Alcune abitazioni non sono sempre a prova di inverno: molte posseggono porte e finestre che hanno bisogno di sistemi antispifferi. E allora si fa come un tempo per ovviare al problema, quindi si devono realizzare dei serpentoni antispifferi che consentano di mantenere inalterata la temperatura interna dell’abitazione. Certo, il vero sistema ottimale sarebbe sostituire gli infissi e riempire di silicone tutti i buchi possibili, ma non sempre questo si può fare, soprattutto per chi si trova in un appartamento in affitto. Per cui si può lasciare a briglia sciolta la fantasia grazie al riciclo creativo, realizzando dei serpentoni con dei vecchi abiti, non importa che siano t-shirt, gonne o maglie, l’importante è avere del tessuto a disposizione.

Naturalmente, qui vengono date le istruzioni per realizzare antispifferi a forma di serpente, ma si possono creare molte altre forme, con un po’ di dimestichezza e di fantasia, da cactus orizzontali con fiori a gattini, conigli o altri simpatici animaletti. Questi sistemi sono consigliatissimi per rallegrare le stanze dei bambini, ma anche delle giovani donne, perché in fondo anche l’occhio vuole la sua parte. E complementi d’arredo, che siano utili e belli a un tempo, sono sempre i benvenuti in casa propria.

ago, filo e forbici

Materiali occorrenti

  • Vecchi indumenti, meglio se molto colorati e con fantasie insolite, come righe o tartan
  • Vecchi collant
  • Forbici
  • Ago a cruna media
  • Filo di cotone per cucire
  • Bottoni, anche di diversa forma
  • Nastrini colorati (facoltativi)

Procedimento

  • Tagliare dal vecchio indumento prescelto, una t-shirt, una maglia o una gonna, un rettangolo di stoffa lungo e stretto, ma non troppo.
  • Piegare a metà il rettangolo, badando di rivolgere la parte che dovrebbe andare all’esterno all’interno.
  • Cucire tra loro due dei tre lati liberi con ago e filo. Se si vuole far durare il serpentone nel tempo è bene cucire tutto fittamente, utilizzando quattro fili insieme, facendone passare uno a doppio nella cruna e annodando le quattro estremità insieme.
  • Rovesciare la stoffa in modo che la parte che deve stare all’esterno stia in effetti all’esterno.
  • Riempire il serpente con i vecchi collant.
  • Chiudere anche l’ultimo lato in modo da ottenere una specie di fiore con la stoffa in punta e al centro, che andrà a essere la bocca del serpentone.
  • Legare uno dei nastrini intorno a una porzione del serpente, in modo che sia evidente la testa rispetto al corpo.
  • Cucire i bottoni sulla testa per avere gli occhi del serpente.

22 gennaio 2014
Lascia un commento