Papa Francesco si schiera contro il fracking dello shale gas

Abbiamo conosciuto Papa Francesco in questi mesi per diversi suoi aspetti. Umiltà, umanità e ora anche ambientalismo. Il pontefice, che negli ultimi tempi si è fatto portavoce di diverse battaglie, si è dimostrato anche molto attento all’ambiente. Lunedì scorso ha infatti ricevuto il senatore eletto argentino Fernando “Pino” Solanas e si è fatto fotografare mentre reggeva due magliette che non lasciano spazio a dubbi. Nella prima c’era scritto “No al Fracking” e nella seconda “El Agua vale + que el oro”, l’acqua vale più dell’oro.

Dopo il colloquio tra i due, il senatore ha rivelato che i temi toccati sono stati la corruzione, l’intolleranza, ma anche il danno ambientale che sta subendo il nostro pianeta. In particolare Papa Bergoglio come al solito non si è trattenuto, ma se l’è presa con le compagnie petrolifere che stanno distruggendo i mari e avrebbe anche concordato con la teoria secondo la quale gli Stati sarebbero complici dei danni inferti a intere popolazioni.

A questo si aggiunge il problema del fracking che è molto impellente in Argentina, Paese che si stima sia molto ricco di gas scisto e che rischia di essere eccessivamente trivellata se il Parlamento darà l’autorizzazione.

Non finisce qui. Secondo quanto riportato dal senatore Solanas, il Papa gli avrebbe rivelato che sta per preparare un’enciclica proprio sulle tematiche ambientali e in particolare sui temi dell’inquinamento, dello spreco idrico, della deforestazione e tanto altro.

Tra le richieste che il Papa farà c’è anche la formazione di un tribunale internazionale per i crimini ambientali, che dovrebbe vigilare sulla collusione tra le aziende senza scrupoli che sfruttano l’ambiente per trarne profitti e la complicità degli Stati che, per un pugno di soldi, svendono il loro territorio.

Papa Francesco non è nuovo a trovate “green”. In passato lo abbiamo visto promuovere l’uso delle biciclette e delle auto elettriche, nonché ammonire più volte i politici mondiali a non distruggere la Terra. Questa nuova presa di posizione va così ad accrescere il “curriculum” del Papa ambientalista.

15 novembre 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
Angelo, sabato 16 novembre 2013 alle12:12 ha scritto: rispondi »

Grazie Papa Francesco hai l'approvazione da tutti noi della bassa modenese !

Lascia un commento