Si fa presto a dire lavabili. I pannolini riutilizzabili in commercio non sono tutti uguali. Ne esistono di tipologie, fogge e materiali differenti, in grado di soddisfare esigenze che variano in base all’età del bambino, alle sue abitudini, ai vari momenti della giornata. E, perché no, di accontentare le mamme più esigenti in fatto di estetica e stile.

Senza pretesa alcuna di esaustività – sono ormai disponibili sul mercato moltissime varianti e combinazioni di modelli, tessuti, chiusure, taglie etc – ecco qualche informazione sulle principali tipologie di pannolini lavabili.

All in one (tutto in uno): sono il tipo più simile ai pannolini usa e getta, sagomati e formati da un unico pezzo, che si chiude con con velcro o bottoncini. Particolarmente pratici da usare, richiedono però molto tempo per l’asciugatura. Per quanto riguarda i materiali, lo strato interno, a contatto con la pelle, può essere in cotone, bambù o tessuti sintetici, mentre l’esterno è in materiale impermeabile (di solito PUL, Poliuretano Laminato).

All in two (tutto in due): come suggerisce il nome, questi lavabili sono formati da una parte interna assorbente (sagomata nel caso dei cosiddetti pannolini “fitted”, oppure no, come avviene per i ciripà, strisce di cotone che si ripiegano e si allacciano intorno alla vita del bambino) che si indossa con sopra una mutandina esterna impermeabile.

All’interno è possibile aggiungere strati ulteriori quando è necessario un plus di assorbenza (ad esempio per la notte o durante un viaggio), mentre la mutandina esterna è di solito provvista di automatici o linguette in velcro e può essere riutilizzata senza essere lavata se al momento del cambio risulta pulita e asciutta.

Pocket: molto versatili, sono pannolini lavabili formati da un unico pezzo sagomato di forma simile agli usa e getta e chiuso con velcro o bottoncini. Nella parte posteriore, è presente una tasca (da qui il nome) in cui inserire il numero desiderato di inserti assorbenti.

Le strisce assorbenti sono disponibili in cotone, bambù o microfibra, mentre il pannolino vero e proprio ha di solito uno strato esterno impermeabile e uno interno in micropile, morbido e drenante. Una volta “farcito” con il numero desiderato di inserti, il pannolino si indossa proprio come un usa e getta. L’asciugatura è più rapida degli all in one, vista la presenza di più strati separabili.

Con tutti i tipi di pannolini lavabili è possibile utilizzare dei veli raccogli-feci, biodegradabili (e gettabili nel wc) o a loro volta lavabili, che vanno posizionati tra la pelle del bambino e il pannolino stesso. I veli permettono di raccogliere i rifiuti “solidi”, preservando il pannolino.

24 febbraio 2014
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento