Una nuova tipologia di impianto solare domestico potrebbe aiutare le famiglie a tagliare i costi della bolletta energetica rispondendo a più esigenze in un’unica soluzione. Il sistema è composto da pannelli solari ibridi in grado di fornire all’abitazione l’energia elettrica necessaria per l’alimentazione degli elettrodomestici e l’energia termica per il riscaldamento degli ambienti e l’acqua calda sanitaria.

I pannelli solari ibridi da installare sui tetti sono stati brevettati da un’équipe di ricercatori della Brunel University di Londra, coordinata dal Prof. Hussam Jouhara. Il prototipo sfrutta superconduttori di energia termica impiegati nei computer e nelle stazioni spaziali, capaci di resistere a temperature estreme.

Secondo Jouhara finora nessuna tecnologia era riuscita a trasformare i tetti delle abitazioni in impianti efficienti, capaci di generare sia elettricità che energia termica. I pannelli fotovoltaici riescono a trasformare solo una frazione dell’energia solare in elettricità. Nei giorni più soleggiati, le celle solari vengono colpite da una grande quantità di luce solare inutilizzabile.

Il riscaldamento delle celle fotovoltaiche influisce negativamente sulle prestazioni energetiche dell’impianto. Nel pannello ibrido i tubi di calore, integrati in pannelli piatti e sottili lunghi 4 metri e alti 400 millimetri, catturano il calore in eccesso e lo sfruttano per riscaldare l’acqua.

La tecnologia ideata dai ricercatori inglesi presenta molteplici vantaggi. Rispetto ai pannelli fotovoltaici tradizionali gli impianti ibridi vantano prestazioni superiori del 15%. Inoltre le potenzialità dell’energia solare vengono sfruttate appieno perché il calore in eccesso non finisce disperso.

L’impianto solare ibrido risolve anche alcune criticità relative all’integrazione dei pannelli sui tetti. L’impianto è facile da installare seguendo le istruzioni e la copertura fotovoltaica è resistente all’usura e ai danni degli agenti atmosferici. La facilità d’installazione incentiverà i costruttori a integrare i pannelli solari nei tetti dei nuovi edifici.

I tetti solari non dovranno più essere progettati per dissipare il calore nei giorni estivi e l’energia termica in eccesso non abbasserà le prestazioni delle celle fotovoltaiche.

I ricercatori stanno testando l’impianto solare ibrido su un’abitazione di Watford. Jouhara ha anticipato che i risultati dei primi test sono stati sorprendenti. I superconduttori sono riusciti a catturare l’energia solare sin dalle prime luci del mattino.

28 settembre 2015
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento