Pannelli fotovoltaici, smaltimento come RAEE entro il 30 giugno

Pannelli fotovoltaici, l’obbligo di smaltimento da parte delle imprese ha finalmente una data certa. A partire dal 30 giugno 2012 anche il solare dovrà fare i conti con le normative in materia di RAEE: ogni produttore dovrà quindi da quella data disporre di un adeguato servizio di riciclo degli impianti il cui ciclo vitale si è ormai esaurito.

Pannelli fotovoltaici esausti quindi che non potranno più essere smaltiti autonomamente, ma dovranno seguire le rigide procedure stabilite dall’Unione Europea con la modifica alla revisione della direttiva 2002/96/CE sui RAEE (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche).

Secondo i termini di legge gli Stati membri dovranno avviare una propria filiera, possibilmente facendo capo ad un unico sistema transnazionale europeo. Ogni produttore di energia dovrà inoltre far riferimento ad un servizio o consorzio per lo smaltimento dei propri pannelli solari esausti. Tra questi il ReMedia, il cui Direttore Generale Danilo Bonato sottolinea come:

Il fotovoltaico può portare un beneficio all’ambiente anche a fine vita: dagli impianti fotovoltaici, infatti, si possono ricavare ad esempio vetro, alluminio ma soprattutto indio, gallio, selenide, a rischio di esaurimento per la richiesta esponenziale. In prospettiva un recupero di questi materiali su larga scala consentirà di poter attingere a una miniera urbana di materie prime seconde, riducendo le emissioni di CO2 e il consumo di energia.

13 marzo 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento