Il pane con farina di kamut è molto apprezzato perché ha un sapore particolare, dolce e aromatico al tempo stesso. Farlo in casa è piuttosto semplice: è un grano sempre più utilizzato da solo, o mescolato con altri cereali, per la produzione casalinga di pane, focacce o dolci.

Dal punto di vista nutrizionale, il pane di kamut è più ricco di minerali come magnesio, zinco e selenio. Anche la maggiore quantità di proteine è un elemento distintivo rispetto agli altri cereali.

Il termine kamut è un marchio registrato dalla società americana Kamut International, che ha scelto di identificare con questo termine la sua linea prodotti a base di grano khorasan. La varietà Triticum turgidumn è una pianta antica e rustica, naturalmente resistente alle infestazioni e alle avversità climatiche. Per questi motivi è piuttosto comune trovare in commercio la farina d’agricoltura biologica.

Vediamo le ricette per preparare in casa questo pane, con il classico lievito di birra oppure con la pasta madre.

Pane di kamut con lievito di birra

Ingredienti:

  • 300 g di farina di kamut;
  • 270 g di farina di frumento 0;
  • 5 g di sale fino;
  • 25 g di lievito di birra;
  • 300 ml di acqua tiepida.

Setacciate insieme le due farine e preparate sul piano lavoro la classica fontana. Aggiungete al centro il lievito sbriciolato e impastate, aggiungendo l’acqua tiepida un po’ alla volta, ed infine il sale. Continuate a lavorare l’impasto fino a ottenere una pasta liscia e compatta. Mettete l’impasto in una terrina infarinata e fate lievitare, coperto, per circa due ore in un luogo tiepido: l’impasto dovrà raddoppiare il suo volume.

A lievitazione conclusa riprendete l’impasto, lavoratelo per qualche minuto e formate quattro pagnotte o otto panini più piccoli. Mettete il pane su una teglia coperta con carta forno e fate lievitare ancora per mezz’ora. Nel frattempo preriscaldate il forno a 180° grandi, quindi cuocete il pane per trenta minuti. Sfornate e fate raffreddare su una gratella.

Pane di kamut con lievito madre

Ingredienti:

  • 500 g di farina kamut;
  • 100 g di pasta madre rinfrescata il giorno prima;
  • 400 ml di acqua tiepida;
  • 1 cucchiaino di miele;
  • 5 g di sale.

Sciogliete la pasta madre nell’acqua tiepida, aggiungete il miele e infine unite la farina e il sale. Iniziate ad impastare, prima con i polpastrelli e in seguito a piene mani. Proseguite fino a ottenere una pasta liscia e compatta da lavorare energicamente per almeno dieci minuti.

Mettete l’impasto in una ciotola infarinata e fate lievitare per 4 ore in un luogo tiepido. Terminata questa prima fase di lievitazione, riprendete l’impasto e rovesciatelo su un piano lavoro infarinato. Con le mani leggermente unte stendete l’impasto e poi arrotolatelo su se stesso: quindi ricavate 3 pagnotte e adagiatele su una teglia ricoperta con carta forno. Lasciate lievitare il pane in un luogo tiepido per circa 12 ore, quindi cuocetelo in forno già caldo a 220° gradi per 30 minuti.

29 gennaio 2015
Immagini:
I vostri commenti
CIOCCO, martedì 3 novembre 2015 alle21:19 ha scritto: rispondi »

Volevo preparare x mio marito il pane di kamut, ma volevo sapere se posso preparare l'impasto e poi congelarlo già lievitato e poi cuocerlo al bisogno...

sandro, venerdì 2 ottobre 2015 alle15:30 ha scritto: rispondi »

si maria ciao la puoi trovare benissimo ( già preparata a Natura si) , poi signora francesca antonucci le volevo chiedere per fare l pane in casa io al negozio mi trovo farina bianca di kamuth, e farina integrale di kamuth sicuramente una e meno lavorata dell' altra( integralele) ma il pane ??? di farina bianca è sempre ricco di selenio e zinco?? grazie in anticipo!!

Francesca Antonucci, martedì 28 aprile 2015 alle18:02 ha scritto: rispondi »

Ciao Maria condivido il tuo desiderio di avere la pasta madre: i risultati in termini di sapore e buona panificazione sono sempre ottimi. Io, ancora l'anno scorso, ho preparato la mia pasta madre seguendo la nostra ricetta di Greenstyle () Rinfrescata con regolarità seguendo le indicazioni che troverai nell'articolo continua a darmi grandi soddisfazioni. Se ti servissero altre indicazioni contattami pure

Maria, domenica 26 aprile 2015 alle19:43 ha scritto: rispondi »

Io vorrei la pasta madre. Dove? Come? Potrei farla? Grazie

Lascia un commento