Nuova protesta simbolica da parte della prorompente Pamela Anderson, che ha nuovamente prestato il suo corpo per una campagna dell’associazione PETA (People For The Ethical Treatment Of Animals) in favore dei cani. L’ex bagnina di Baywacht, a dispetto della sua immagine sexy e gossippara, è una valida e costante attivista in difesa degli animali più deboli. Da molti anni presta la sua immagine per le iniziative PETA, divenendone madrina e sensibilizzando l’opinione pubblica nei riguardi di maltrattamenti e abusi.

Per questa nuova occasione la Anderson appare nuda e sensuale in un video ispirato allo stile del burlesque, le immagini in bianco e nero valorizzano l’aspetto glamour dell’immagine un po’ retrò. Fasciata in abiti eleganti, l’attrice lentamente se ne libera, mostrando un body maculato e un’acconciatura dal taglio corto. Movenze sensuali e mai volgari la ritraggono alla fine del video mentre gioca con delle palline da tennis, mostrandole al destinatario dello spogliarello. L’ennesimo fidanzato o marito da collezionare? Niente di più sbagliato: l’avvenente modella 46enne regala le sue movenze a un osservatore tutto speciale, il suo amatissimo cane Brando.

Il video, lanciato il giorno di San Valentino, invita a festeggiare l’evento con chi si ama di più. La campagna PETA sprona ad accogliere in casa cani e gatti, per impedire che soccombano alle temperature proibitive che in questi giorni stanno flagellando gli USA. Un video sexy ma volutamente ironico e divertente, un’idea vincente che sottolinea il carattere giocoso di Pamela Anderson.

Nonostante la sua immagine esageratamente sensuale l’attrice è spesso in prima linea per le campagne PETA e in sostegno di Sea Shepard. In tandem con l’associazione che prende il suo nome, la Anderson non perde occasione per far parlare di sé in modo positivo e utile. Il video della PETA, che sta spopolando in rete, si conclude in modo divertente mostrando l’espressione tenera del cane Brando felicemente coccolato tra le braccia dell’avvenente attrice.

17 febbraio 2014
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento