Pagelle scolastiche: arriva il voto sull’alimentazione

Un voto sull’alimentazione nelle pagelle degli studenti italiani. La proposta arriva da Vito Amendolara, neo presidente dell’Osservatorio regionale della Campania per la Dieta Mediterranea, con l’obiettivo di far crescere nei giovani la consapevolezza dell’importante ruolo giocato dallo stile di vita a tavola nel prevenire alcune tipologie di malattie.

>>Scopri come la dieta mediterranea può migliorare la salute in sole sei settimane

La proposta di Amendolara punta a rendere i bambini e ragazzi protagonisti delle loro scelte riguardanti il cibo consumato. Obiettivo da raggiungere, secondo il presidente dell’Osservatorio, anche attraverso incontri e seminari da svolgere all’interno delle scuole:

È vero, ci vuole una normativa ad hoc, ma sarebbe interessante avviare, in via sperimentale in Campania e perché no in tutta Italia, un’iniziativa del genere per far crescere nei più giovani la necessità di porre un argine alla malattie legate ad una cattiva alimentazione come l’obesità.

Nelle prossime settimane avvierò contatti e promuoverò incontri con tutte le istituzioni interessate per organizzare seminari e riunioni nelle scuole di ogni ordine e grado, in una logica di sintesi e di sinergia, affinché si possano concretizzare occasioni di crescita collettiva.

>>Approfondisci il tema: La dieta mediterranea diventa patrimonio dell’UNESCO

Punto di partenza la promozione e valorizzazione della dieta mediterranea, recentemente inserita dall’UNESCO tra i patrimoni “immateriali” dell’umanità. Un valore aggiunto che può contribuire, secondo Amendolara, a diffondere migliori comportamenti a tavola e a portare benessere sociale nel territorio del Cilento (scelto dalle Nazioni Unite come sede della dieta mediterranea) e dell’intera Campania:

Ora occorre lavorare perché, da un lato, si miri a migliorare lo stile alimentare e, dall’altro, ci si impegni per innalzare lo stile di vita, la qualità della vita. Si tratta di utilizzare le grandi professionalità che compongono l’Osservatorio per offrire una grande opportunità alla nostra regione di creare condizioni di sviluppo e di miglioramento della qualità della vita.

18 febbraio 2013
Lascia un commento