Osteoporosi: formaggio protegge gli uomini dalle ossa fragili

Consumare formaggio potrebbe essere molto utile per gli uomini, visto che questo tipo di alimentazione li proteggerebbe dall’osteoporosi. Secondo una nuova ricerca il discorso varrebbe soprattutto per gli uomini di mezza età, ma non interesserebbe invece le donne.

Lo studio, basandosi sul coinvolgimento di 2.600 persone, ha messo in evidenza che gli uomini di età superiore ai 50 anni che consumavano più di tre volte alla settimana molti latticini avevano le ossa più forti. Risultati più evidenti sono stati riscontrati per quanto riguarda il formaggio, sia mangiato da solo che come parte di un piatto, come per esempio nella pizza o nelle lasagne. La ricerca è stata effettuata dagli esperti della Hebrew SeniorLife. Il principale autore dello studio, il dottor Shivani Sahni, ha fatto presente:

I fattori alimentari rappresentano un’area di interesse importante e in crescita, poiché questi fattori potrebbero essere facilmente modificati per la salute ottimale delle ossa. Tuttavia pochi studi hanno confrontato direttamente specifici tipi di prodotti caseari, anche se non tutti i prodotti lattiero-caseari hanno un effetto simile sulla salute delle ossa.

=> Scopri i benefici della curcuma contro l’osteoporosi

I partecipanti allo studio, tutti di età compresa tra i 32 e gli 81 anni, si sono sottoposti a tipi particolari di scansioni per misurare la loro densità ossea nella parte bassa della schiena e dei fianchi, in modo da dare agli esperti la possibilità di calcolare la loro forza e la loro resistenza.

In questo modo i ricercatori sono arrivati a risultati significativi, che erano stati confermati anche da studi precedenti. Hanno notato che negli uomini, proprio in associazione con l’alto consumo di formaggio e prodotti caseari, si sviluppava un aumento della densità ossea. I risultati sono incoraggianti perché si pensa ad aprire nuove prospettive per una cura migliore per gli uomini anziani che soffrono di osteoporosi.

Il dottor Sahni ha specificato che gli studi futuri potrebbero essere concentrati anche sui profili nutrizionali di specifici prodotti realizzati con il latte, per avere più strumenti a disposizione nel trattamento di una malattia che può essere molto dolorosa.

11 aprile 2018
Lascia un commento