Orto casalingo in una lampada, arriva Grass Lamp

In un mondo sempre più urbanizzato, l’esigenza del verde si fa ogni giorno più pressante. Così non è inusuale veder spuntare dei mini-orti su balconi e finestre di grandi palazzi, trasformati in universi agricoli in miniatura. E se la rivoluzione verde partisse proprio dalla casa o addirittura dal suo interno?

>>Scopri Aquaponics, l’orto casalingo dalle feci di pesce

È proprio in questa direzione che si muove il progetto di Marko Vučković, industrial designer laureatosi all’Università di Belgrado: la coniugazione di elementi d’arredo a coltivazioni green. Nasce così Grass Lamp, una lampada in grado di ospitare un piccolo praticello oppure un orto in miniatura, sfruttando la crescita idroponica.

Dall’estetica moderna e decisamente piacevole alla vista, la Grass Lamp è un piccolo concentrato di intelligenti intuizioni. La sua forma ovale permette di contenere nella parte superiore una fonte di luce, mentre in un vano inferiore del terriccio, coltivabile a piacere. Oltre che a illuminare la stanza in cui ci si trova, la luce fornisce calore per aiutare la crescita di erba e piccoli ortaggi, per un ecosistema praticamente autonomo se non per la necessità di innaffiare di tanto in tanto le piante.

Non solo design, quindi, ma anche cura dell’ambiente e dell’uomo che lo abita. La Grass Lamp infatti, oltre che a poter essere sfruttata come elemento ornamentale o piccolo orto – si pensi alla comodità in cucina, per avere prezzemolo, salvia e altre spezie sempre fresche – funge anche da purificante dell’aria, grazie al normale processo di fotosintesi delle piante e la loro salvifica emissione d’ossigeno. Un fatto non da poco, quest’ultimo, soprattutto per le città più inquinate: gli elementi tossici generati dal traffico invadono anche le abitazioni più sigillate.

>>Scopri la guida per creare un orto in balcone

La lampada, non ancora commercializzata al grande pubblico, sarà disponibile in diverse forme per i più disparati utilizzi. C’è la versione a discesa dal soffitto – così come i classici lampadari – quella con stand per angoli, camere da letto e salotto e quella fissabile a parete per gli spazi più ristretti.

Vučković non è nuovo alle trovate geniali: nel 2009 ha vinto il Design and Design Award in quel di Berlino, mentre nel 2011 il suo Saturn Clock, un orologio analogico privo di lancette, si è classificato secondo al KARE contest.

17 febbraio 2013
Fonte:
I vostri commenti
Songoku83_FG, lunedì 18 febbraio 2013 alle22:50 ha scritto: rispondi »

 Si molto bello, ma non sanno che le piante la notte anche loro respirano, ed è stato sempre sconsigliato d tenere le piante in camera da letto, xké consumano anche loro ossigeno, si tenerle in salotto o cucina, ma eviterei la camera da letto ...

Lascia un commento