Orto-bosco o food forest: cosa è, come realizzarlo

L’orto-bosco o food forest è letteralmente una foresta commestibile, nota anche con il termine di “foresta giardino”. Si tratta di un metodo di gestione delle aree agricolo-forestali che trova ampia applicazione all’interno della permacultura. I vari alberi piantati risulteranno utili siamo come ecosistema per il sostentamento delle specie animali, che per quello dell’uomo.

La food forest è una foresta multifunzionale, realizzati su più livelli e che richiede poca manutenzione da parte dell’uomo. Il suo ricorso vuole conciliare un ritorno a un ambiente più naturale e selvaggio con le necessità di sostentamento della razza umana, che interverrà nella gestione dell’area forestale in misura estremamente limitata. L’obiettivo è un rapporto sinergico con la natura, senza però alterarne l’equilibrio o danneggiarla con l’eccessivo sfruttamento delle risorse.

Scoiattolo nel bosco


Livelli e funzioni principali

La composizione di una food forest passa attraverso la realizzazione di diversi livelli, sette nello specifico, che vanno da quello erbaceo fino a quello arboreo. La piantumazione di grandi alberi ad alto fusto è soltanto l’ultimo passo, preceduto subito prima da quello che interessa gli alberi a fusto medio.

=> Scopri cos’è e come realizzare il Circle garden

Procedendo ancora a ritroso vi è la piantumazione degli alberi più piccoli, a sua volta preceduta dalla coltivazione di cespugli e arbusti. Il livello precedente è quello relativo alle erbe spontanee o coltivate, non più alte di qualche decina di centimetri. I due passi iniziali sono invece il livello delle erbe striscianti che si estendono ad altezza suolo e quello base dell’humus dove avviene la nascita dei semi.

Per quanto riguarda invece la definizione di “Food forest multifunzionale” si entra nello specifico degli “effetti” prodotti dalla foresta commestibile. A cominciare ovviamente dalla funzione “alimentare” in senso stretto, sia per l’uomo che per gli animali che la popolano, passando per la produzione di ossigeno e la fissazione al suolo di azoto e altre sostanze.

=> Leggi di più su come si coltiva la palma cinese

Produzione di legname e materiale per cesteria sono altre due funzioni riconosciute alla food forest, a cui si aggiunge quella di raccolta di piante ed essenze per la realizzazione di rimedi naturali. Tra questi ultimi figurano anche pratiche positive per la salute fisica e mentale come l’ortoterapia. Adulti e bambini possono inoltre approfittare della Food forest per imparare e divertirsi in mezzo alla natura, socializzando con gli altri e ritrovando il contatto con la Terra.

Fragoline di bosco


Cosa coltivare: consigli utili

La scelta in merito a cosa coltivare all’interno di una food forest può essere piuttosto ampia. Questo perché non vi sono elenchi precisi su cosa scegliere o non scegliere. È tuttavia importante tenere a mente le diverse funzionalità che può avere un orto-bosco e la necessità di inserire piante che sappiano integrarsi tra loro trovando un equilibrio proficuo per tutte.

Alberi da frutto, grandi alberi o piante commestibili anche a livello di foglie, fiori o radici sono scelte possono contribuire a rendere la food forest utile e davvero molto bella. Pur nella libertà di spaziare tra le varie specie, a beneficio della biodiversità, occorre tenere conto sia delle esigenze legate alla sinergia tra le piante che delle necessità climatiche.

Spesso la tendenza è associata alla scelta di specie locali, anche antiche, più legate al territorio e quindi più in grado di svilupparsi con successo. Un’opportunità anche per riscoprire specie quasi perdute, ma profondamente interconnesse alla storia della propria area geografica.

5 aprile 2018
Immagini:
Lascia un commento