Si è trasformato in perfetto equilibrista, pur di far razzia di un nido di corvi. È la storia di un orso la cui impresa è già divenuta virale, come ormai consuetudine per questa tipologia di video online. Protagonista è un plantigrade canadese che, per nulla spaventato dall’altezza, ha scalato un alto traliccio della linea elettrica fino a raggiungerne la sommità.

Il tutto è accaduto negli ultimi giorni nei pressi di Alberta, tra numerosi testimoni pronti a immortalare l’impresa dell’orso e a condividerla sui social network. L’animale, forse attratto dalla possibilità di un pranzo a sorpresa, si è diligentemente arrampicato sul traliccio dell’alta tensione. Giunto sulla sommità ha fatto razzia delle uova trovate in un nido, alla presenza di due allarmati e ormai rassegnati corvi.

Non capita di raro che questi uccelli creino i loro nidi a pochi centimetri dai cavi dell’elettricità, poiché l’incredibile altezza riduce al minimo i potenziali attacchi. Non questa volta, però: stando alle testimonianze, i due corvi avrebbero tentato di allontanare l’orso durante la sua scalata, anche con violente e ripetute beccate, senza però sortire alcun esito.

La scena è stata ripresa principalmente da un gruppo di cacciatori, così come riporta l’agenzia di stampa UPI, mentre si trovavano nelle vicinanze del Wood Buffalo National Park di Alberta. Così ha spiegato Linda Powell, residente in Carolina del Nord e direttore delle relazioni media di O.F. Mossberg & Sons, presente durante l’insolito spettacolo:

Ho notato l’orso mentre si reggeva sulle zampe posteriori alla base del traliccio. La sua postura indicava come stesse considerando di arrampicarsi sul palo e, in pochi secondi, ha cominciato ad arrampicarsi con relativa facilità.

Terminato il pasto improvvisato, l’animale è tornato a terra senza incontrare alcun intoppo, per poi allontanarsi nelle limitrofe zone verdi. Per i due arrabbiati corvi, l’unica consolazione di non essere finiti anch’essi nelle fauci del plantigrade.

25 maggio 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
UPI
Lascia un commento