L’orso polare Pizza da tempo è tristemente balzato agli onori della cronaca, per la sua prigionia forzata all’interno del Grandview Mall Aquarium a Guangzhou, in Cina. Non un’oasi e neppure un parco naturale, ma una sorta di zoo situato all’interno di un centro commerciale. Una pratica piuttosto consueta e nota in Oriente, dove sempre più strutture simili aprono le porte ai turisti, accogliendo animali in condizioni del tutto innaturali. E se un giardino zoologico non sempre è un ambiente non conforme alle necessità di un animale selvatico, una struttura dentro un esercizio commerciale è del tutto deprimente per i suoi ospiti.

Pizza è diventato il simbolo di questo malessere fin dal suo arrivo lo scorso gennaio, inserito in un piccolo box di cemento dipinto di blu, senza luce naturale e con una vetrata per farsi ammirare dal pubblico. L’orso polare ha subito sviluppato intolleranza e rifiuto per lo spazio angusto e limitante, assumendo comportamenti stereotipati e frustranti. Dal muoversi in modo ripetitivo al fissare inebetito il vuoto, fino a sdraiarsi a terra assente e disperato. L’ultima visita degli animalisti e l’ultimo video hanno mostrato l’orso mentre morde nervosamente una grata. Per lui si sono mossi diversi gruppi e attivisti, nonché sono state sottoscritte petizioni per liberarlo. Ma lo staff ha sempre rifiutato di collaborare: anche la proposta di trasferirlo in un centro più accogliente è stata rigettata.

=> Scopri l’orso rinchiuso nel centro commerciale


Ma viste le critiche o la pessima pubblicità, il Grandview Mall Aquarium ha deciso di spostare l’animale per qualche tempo, trasferendolo nel luogo di provenienza dove vivono ancora i genitori. I rappresentati della struttura hanno deciso per questo movimento in funzione di qualche ristrutturazione e cambiamento, atte ad ampliare l’impianto. Ma, come sostengono Animals Asia e Humane Society International, probabilmente le critiche sono state troppe, e forse nascondere per un po’ l’orso potrà calmare gli animalisti. In realtà, le associazioni non demordono e spingono per un trasferimento radicale e definitivo: non abbandoneranno la causa fino a quando ciò non avrà luogo e lo zoo chiuderà, liberando anche tutti gli altri ospiti in cattività.

16 novembre 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento