Ora solare: tra il 24 e il 25 ottobre orologi indietro di un’ora

Lancette indietro di un’ora per tornare all’ora solare. Accadrà nella notte tra sabato 24 e domenica 25 ottobre, ponendo così fine all’orario legale che a partire dallo scorso marzo ha “allungato” le giornate e aiutato a ridurre i consumi energetici.

Il ritorno all’ora solare sarà accolto da alcuni come una benedizione, con la possibilità il prossimo fine settimana di dormire un po’ di più. Il cambio di orario nasconde però anche alcune possibili insidie per quanto riguarda le abitudini del sonno e la regolarizzazione dell’orologio interno.

Tra i disturbi segnalati in corrispondenza del ritorno all’ora solare vi sono, oltre a quelli del sonno, anche le alterazioni dell’umore e dei livelli di appetito. A queste si aggiunge il rischio, secondo alcuni esperti, di una possibile “depressione stagionale” innescata dall’arrivo in anticipo del buio, nota anche come SAD (Seasonal Affective Disorder). Proprio al fine di prevenire tali disturbi il CODACONS ha chiesto nei mesi scorsi che fosse abolito il ritorno all’orario solare e resa stabile l’ora legale.

Per ridurre i possibili disagi è consigliata innanzitutto una buona esposizione alla luce del sole durante la giornata, in quanto alcuni ormoni rilasciati nell’organismo in risposta ai raggi UV possono contribuire alla autoregolazione del proprio orologio biologico. Possibili casi di ansia e stress possono inoltre essere attenuati mediante alcune pratiche di rilassamento (Yoga, meditazione, respirazione zen) o l’utilizzo di tisane a base di passiflora, valeriana, camomilla e melissa.

Rilassarsi è possibile anche consumando un bicchiere di latte caldo prima di andare a dormire, magari addolcito con un po’ di miele. L’alimentazione gioca poi un ruolo di primo piano, con frutta e verdura che forniscono all’organismo le indispensabili dosi di vitamine e sali minerali. Da evitare invece l’impiego di bevande alcoliche nelle ore precedenti e successive all’entrata in vigore dell’ora solare.

Utile infine abituarsi in maniera progressiva al nuovo orario, cercando di variare il momento dell’andare a dormire e del risveglio di 20 minuti al giorno, a cominciare dalla notte tra venerdì e sabato, così da riassorbire il cambiamento per intero una volta arrivato il lunedì mattina. L’ora solare sarà in vigore a partire dalle prime ore del 25 ottobre per poi cessare il prossimo 26 marzo 2016 con il nuovo avvento dell’ora legale.

19 ottobre 2015
Lascia un commento