Nella notte tra sabato 29 e domenica 30 ottobre tornerà in vigore l’ora solare. Gli orologi dovranno quindi essere spostati indietro di un’ora facendo sì che le 3 tornino a essere le 2 e si dica ancora una volta addio all’ora in più di sole offerta dall’orario legale.

Il passaggio all’ora solare sarà accolto da qualcuno come una benedizione, attraverso la quale potrà godere di sessanta minuti di sonno “extra”. Altri tuttavia vivranno con ben altro spirito tale transizione, rimpiangendo le giornate più lunghe o avendo a che fare con una più o meno ampia varietà di problemi per quanto concerne la salute.

=> Leggi l’allerta Codacons per il possibile effetto jet lag da ora solare

Uno degli effetti che contraddistinguono il ritorno all’ora solare è paradossalmente la minore esposizione ai raggi del sole, peraltro meno intensi rispetto al periodo estivo. Questo si traduce nella minore sintesi di vitamina D e in un maggiore rischio di ipertensione.

Proprio i raggi del sole racchiudono uno dei segreti per un passaggio poco traumatico all’ora solare. Ciò accade perché l’esposizione solare aiuta a regolare gli ormoni associati al sonno, favorendo un pronto riallineamento del ritmo circadiano. Sarà quindi opportuno esporsi quanto più possibile alla luce naturale, anche se più tenue rispetto all’estate, per garantire un riposo notturno migliore.

Parlando più in generale al ritorno all’ora solare corrispondono spesso fastidi come insonnia, stanchezza e irritabilità. Alcuni rimedi naturali possono rivelarsi in questo senso efficaci nel consentire una transizione più serena.

Contro l’insonnia e le alterazioni dell’umore (come irritabilità, nervosismo e ansia) è possibile il ricorso a tisane rilassanti come quella alla camomilla, melissa e passiflora oppure a base di radice di valeriana. Da consumare preferibilmente alla sera, prima di mettersi a dormire, possono essere eventualmente sostituite con del latte caldo unito a un cucchiaino di miele. Sì anche a pratiche come lo Yoga e la meditazione.

28 ottobre 2016
Lascia un commento