L’ONU ha proclamato il 2012 Anno internazionale dell’energia sostenibile per tutti. L’iniziativa, che sarà inaugurata oggi a Bruxelles, punta a richiamare l’attenzione sul tema della sicurezza dell’approvvigionamento energetico, che ancora manca in molte parti del Pianeta.

Secondo le stime delle Nazioni Unite, infatti, una persona su cinque nel mondo non ha accesso all’elettricità e il doppio, cioè almeno tre miliardi di persone, è ancora costretto a usare legna, carbone o scarti di animali per scaldarsi e cucinare. A questo si aggiunge il dramma dell’inquinamento causato dall’uso di fonti fossili e delle sempre maggiori emissioni di gas a effetto serra:

L’energia sostenibile per tutti è a portata di mano – ha detto il segretario generale dell’ONU, Ban Ki-Moon, commentando il lancio dell’iniziativa – la povertà di energia deve finire, dobbiamo poter accendere la luce in tutte le case, ridurre la povertà e fornire un’opportunità per tutti, indirizzare lo stimolo economico e combattere i cambiamenti climatici.

Nel corso del 2012, l’ONU cercherà di sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale e di indirizzare le scelte dei governi sul tema della sicurezza e della sostenibilità dell’accesso all’energia. La speranza è di riuscire gettare le basi per raggiungere tre obiettivi prioritari entro il 2030: l’accesso universale a servizi energetici moderni; il raddoppio del tasso globale di miglioramento dell’efficienza energetica; il raddoppio della quota di energie rinnovabili nel mix globale di fonti.

8 febbraio 2012
Fonte:
Lascia un commento