Si chiamano 01M, costano appena 10 euro e sono completamente biodegradabili e compostabili. Sono le scarpe ecologiche prodotte dalla ditta spagnola “One Moment”, indicate per chi desidera ridurre l’impatto ambientale delle proprie calzature, normalmente piuttosto significativo a causa della presenza di sostanze inquinanti come schiume, fibre sintetiche e plastiche.

Niente a che vedere con le scarpe 01M, realizzate interamente in plastica di origine vegetale, che possono essere lavate con del comune detersivo per piatti e, al termine del loro ciclo di vita, gettate in una compostiera o nel secchio dei rifiuti organici.

Le scarpe biodegradabili, simili nell’aspetto a delle ghette da subacquea, sono disponibili in diverse colorazioni fluo e, secondo la ditta che le produce, assicurano una durata di circa 6 mesi. Va detto, e la recensione pubblicata dal sito Wired.com lo conferma, che le 01M non si prestano a essere indossate in tutte le occasioni.

La suola antiscivolo, infatti, è spessa appena 2 millimetri, per cui la sensazione che si prova indossandole è molto simile all’andare a piedi nudi. Va da sé che le scarpe ecologiche non sono adatte per correre, né per camminare su suoli particolarmente “scomodi” o accidentati.

La composizione plastica, per quanto vegetale, le rende inoltre – stando alla testimonianza di chi le ha provate – poco traspiranti, per cui dopo qualche ora il piede tende a sudare un po’. In compenso, le One Momento 01M sembrano garantire una buona impermeabilità, prestandosi ad esempio a passeggiate sulla sabbia o sull’erba umida.

Della facilità di lavaggio si è già detto, mentre una nota dolente è rappresentata dalla “calzabilità” non eccezionale, nel senso che qualcuno potrebbe trovare leggermente grande (o piccola) una scarpa del proprio numero abituale. Un punto di forza, invece, sta nella flessibilità e nella leggerezza del modello, che permettono di ripiegare le 01M e di tenerle comodamente in una tasca. Proprio come se fossero calzini.

24 ottobre 2012
Fonte:
I vostri commenti
Cesare, giovedì 25 ottobre 2012 alle16:32 ha scritto: rispondi »

e dove si acquistano?

Lascia un commento