Italia nella morsa del caldo. L’arrivo dell’anticiclone africano Flegetonte sta causando un aumento delle temperature in tutte le Regioni che secondo i meteorologi è destinato a proseguire nei prossimi giorni, con picchi di 40°C nelle valli alpine e di 37-38°C nelle grandi città da Milano a Roma.

Per evitare che le ondate di calore previste nei prossimi giorni causino problemi per la salute è bene evitare di uscire nelle ore centrali della giornata e mantenere l’organismo ben idratato, bevendo molta acqua ed evitando gli alcolici. Oltre alla salute, con l’arrivo del grande caldo è bene prestare attenzione anche alle bollette energetiche, per evitare di ritrovarsi a pagare conti salati dopo l’estate a causa dei condizionatori tenuti accesi giorno e notte.

Per ridurre i consumi di elettricità nei mesi estivi vengono in soccorso i consigli di Avvenia che ha stilato un vero e proprio decalogo per il risparmio energetico, capace di tagliare la spesa del 20% in un anno e fino al 40% in estate.

I dieci consigli per risparmiare energia quando fa caldo possono essere applicati sia in ufficio che tra le mura domestiche:

  1. Impostare il condizionatore in modalità deumidificazione, misura che da sola consente di ridurre i consumi fino al 75%, risparmiando mediamente 250 euro e l’emissione di 80 kg di CO2. Se in casa l’umidità diminuisce, si percepisce di conseguenza meno calore.
  2. Preferire il ventilatore al condizionatore perché consuma 15 volte meno.
  3. Sfruttare la ventilazione naturale e proteggere la casa dai raggi battenti del sole, chiudendo le persiane, installando delle tende e posizionando delle piante sul balcone.
  4. Utilizzare la luce naturale evitando di accendere quelle artificiali che emettono calore.
  5. Fare la doccia nelle ore più fresche della giornata per evitare che il vapore aumenti i livelli di umidità in casa.
  6. Fare il bucato in lavatrice impostando la temperatura a non più di 30 gradi per risparmiare fino al 90% dell’energia, a parità di risultati.
  7. Non lasciare i televisori e gli altri apparecchi elettronici collegati alla corrente o in stand-by.
  8. Acquistare elettrodomestici efficienti e sostituire o ridurre l’utilizzo di quelli energivori.
  9. Sistemare il frigorifero lontano dai fornelli della cucina per tagliare i consumi fino all’8%.
  10. Completare la cottura dei cibi a fuoco e forno spento, sfruttando il calore residuo.

2 luglio 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento