Si chiamano OnBeat e sono delle cuffie musicali diverse da prodotti apparentemente simili che si trovano comunemente in commercio. La loro particolarità, infatti, è quella di essere dotati di pannelli solari capaci di ricavare energia quando sono esposti alla luce del Sole e di riutilizzarla per ricaricare lo smartphone, il tablet, un lettore multimediale o qualsiasi dispositivo mobile collegato.

Le cuffie solari OnBeat incorporano un pannello flessibile realizzato in grado di inviare l’energia recepita dalla luce esterna a due piccole batterie al litio incorporate negli auricolari. Una porta USB sulla cuffia consente quindi di collegare il dispositivo mobile, così che possa avvenire la ricarica di corrente aumentando l’autonomia di utilizzo dell’apparecchio.

Qualche dubbio permane riguardo la reale quantità di energia assicurata dalle cuffie, visto che le ridotte dimensioni del pannello solare e delle batterie non lasciano pensare a chissà quale apporto di corrente, ma resta il fatto che l’idea appare quanto meno interessante. In ogni caso, i dati ufficiali diffusi dai creatori delle cuffie OnBeat affermano che la superficie dotata di celle solari è pari a 55 centimetri cubi e che la capacità di carica è di circa 0,55 Watt.

Le batterie all’interno degli auricolari possono essere ricaricate anche tramite collegamento USB con un computer, mentre la strada relativa al loro arrivo sul mercato passa per la ricerca di fondi sulla piattaforma di crowdfunding Kickstarter. L’obiettivo è quello di raccogliere poco meno di 300.000 dollari per poter avviare la produzione di OnBeat, con la possibilità che, una volta arrivati nei negozi, le cuffie possano avere un prezzo di partenza corrispondente a circa 80 euro.

9 luglio 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento