Gli omega-3 aiutano a tenere sotto controllo il peso corporeo. A sostenerlo uno studio giapponese, condotto dai ricercatori della Kyoto University, secondo il quale tale sostanza contribuirebbe a non ingrassare con l’avanzare dell’età e in generale a ritrovare la propria linea.

Nell’analizzare gli effetti degli omega-3 contenuti nell’olio di pesce gli studiosi sono partiti dall’assunto che esistono due tipologie di grasso: quello bianco, che si stratifica e diventa la spesso poco invidiata “parte in eccesso”, e quello marrone, che viene invece bruciato per generare energia e calore per l’organismo. Gli omega-3 interverrebbero, secondo l’autore dello studio Teruo Kawada, nella trasformazione del grasso da “cattivo” a “buono”:

Sappiamo da precedenti studi che l’olio di pesce fornisce importanti benefici per la salute, inclusa la prevenzione dell’accumulo di grasso.

Abbiamo testato se l’olio di pesce e l’incremento delle cellule di grasso marrone possano essere relazionati.

Nello specifico sono stati analizzati gli effetti degli omega-3 su un gruppo di roditori, alimentati per 4 mesi con cibo ad alto contenuto di grassi. In alcune fasi della ricerca la dieta degli stessi topi è stata integrata da olio di pesce: nei periodi in cui è stata fornita l’integrazione l’aumento di peso è stato inferiore del 10% mentre l’accumulo di grasso è risultato inferiore del 25%.

Lo studio giapponese sembrerebbe quindi fornire un ulteriore aiuto a coloro che affrontano un “inevitabile” aumento di peso intorno alla mezza età a causa proprio del forte calo di grasso marrone nell’organismo.

In ultimo, secondo i ricercatori, i benefici riscontrati dal mangiare pesce potrebbero contribuire a spiegare anche le migliori condizioni di vita dei giapponesi o dei Paesi dove forte è il ricorso alla Dieta Mediterranea:

La gente ha ripetuto a lungo che il cibo dal Giappone e la Dieta Mediterranea contribuiscono alla longevità, ma il perché queste cucine siano benefiche è ancora motivo di discussione. Adesso noi potremmo aver fatto un po’ di luce sul perché questo si verifica.

18 dicembre 2015
Fonte:
Lascia un commento