Olivia Wilde, volto della serie di culto “Dr House” e da poco reduce dal successo di “Drinking Buddies”, ha deciso di abbandonare la dieta vegana. Almeno momentaneamente: l’attrice aspetta infatti il primo figlio dal compagno, l’attore Jason Sudeikis. E sebbene prometta di tentare di tornare al regime veg non appena la gravidanza sarà conclusa, sui social network montano piccole proteste.

L’attrice, da sempre impegnata nella difesa degli animali e nelle istanze di conservazione dell’ambiente, nel 2010 è stata nominata come la star vegetariana più sexy dall’associazione PETA. Intervistata dalla rivista Her sulla sua prima gravidanza, la giovane ha confermato di aver abbandonato il regime vegano, concedendosi di tanto in tanto uova e latticini. Pur non escludendo di ritornarvi non appena il bimbo sarà nato il prossimo anno, l’attrice spiega come abbia trovato difficile rimanere ligia a una simile filosofia alimentare. E pur sostenendone le istanze, ammette di averne violato le regole in diverse occasioni. Così ha sostenuto di recente:

Sono vegetariana da quando ho 12 anni. Ma la scelta vegana è stata altalenante negli ultimi 4 anni. È d’aiuto avere un giusto sistema di supporto. Essere vegani non è sempre semplice e accessibile. Ma è un modo di vita che mi ha fatto sentire molto bene e mi ha reso fisicamente migliore.

Olivia, da poco raggiunti i 29 anni, proseguirà con la dieta vegetariana per l’intera durata della gravidanza, evitando quindi il consumo di carne. Non tutti però sembrano aver gradito la sua uscita dall’universo vegan, tanto che sui social network un piccolo gruppo di utenti – fortunatamente pochi – hanno espresso disappunto anche con una certa aggressività. Eppure in fatto di rispetto per l’ambiente e per gli animali all’artista non può essere proprio rimproverato nulla, dato anche il recente impegno – in compagnia di Matt Demon e altri big di Hollywood – per la conservazione dell’acqua e l’approvvigionamento delle risorse idriche nei paesi più poveri del mondo.

14 dicembre 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento