L’olio di sesamo è un prodotto vegetale che si ottiene dai semi dell’omonimo sesamo, il Sesamum indicum: si tratta di una pianta erbacea che cresce spontanea in India e Africa. È un olio di gusto deciso e intenso, che trova largo impiego nella cucina tipica dell’Asia meridionale, in particolare in Giappone per la tempura. Spremuto a freddo, l’olio di sesamo si presenta come un liquido denso debolmente colorato di giallo. Intensamente colorato di marrone e profumato è, invece, l’olio di sesamo che si ottiene dai semi tostati e sgusciati.

L’olio di sesamo è ricco di acidi grassi insaturi e di sesamolo, una sostanza antiossidante che protegge i componenti dell’olio dall’auto-ossidazione.

Questo olio vegetale è ricco di calcio, magnesio, fosforo e di vitamine come la A, la vitamina E e le vitamine del gruppo B, soprattutto B1, B2, B3. Vediamo 5 ricette per utilizzarlo in cucina.

Tofu al naturale all’olio di sesamo

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 g di tofu al naturale;
  • 40 g di scalogno sminuzzato;
  • 200 g di zucchine tagliate a rondelle;
  • 4 cucchiaini di olio di sesamo;
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva.

Fate appassire lo scalogno sminuzzato in un tegame antiaderente con l’olio extravergine di oliva. unite le zucchine e fate cuocere senza coperchio per 10 minuti, mescolando spesso. Unite il tofu tagliato a dadini, mescolate bene, dividete in porzioni e servite condito con olio di sesamo a crudo.

Riso alla cantonese con olio di sesamo

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 g di riso basmati lessato;
  • 80 g di cubetti di prosciutto cotto;
  • 100 g di piselli freschi lessati;
  • 2 uova;
  • 4 cucchiaini di olio di sesamo.

Rompete le uova e sbattetele con una forchetta. Versate le uova sbattute in una padella antiaderente e fatene una frittatina. Raccogliete in un wok il riso lessato ancora caldo e conditelo con l’olio di sesamo, i piselli, i dadini di prosciutto e la frittatina sminuzzata. Saltate in padella a fuoco alto fino a primi segni di tostatura del riso. Dividete in porzioni e servite caldo.

Questa ricetta non è adatta a chi soffre di intolleranza alle uova o segue uno stile alimentare vegetariano o vegano.

Focaccia integrale con olio di sesamo

Ingredienti:

  • 500 g di farina integrale;
  • 80 ml di acqua;
  • 1 cucchiaino di olio di sesamo;
  • 180 g di lievito madre rinfrescato il giorno prima.

Impastate la farina con l’acqua e unite il lievito madre rinfrescato il giorno prima, impastate e unite l’olio di sesamo. Date al composto la forma di una palla, riponetela in una ciotola coperta da un panno umido e lasciare lievitare 48 ore in un luogo tiepido. Riprendete la pasta, stendetela su una teglia da forno antiaderente e fate lievitare ancora un’ora. Cuocete in forno caldo a 180°C per 30 minuti circa.

Tempeh alla piastra con olio di sesamo

Ingredienti per 4 persone:

  • 200 g di tempeh diviso in 4 fette;
  • 4 cucchiai di olio di sesamo.

Scaldate la piastra antiaderente, quindi cuocete il tempeh e servite condito con un cucchiaino di olio di sesamo, accompagnato a una insalata mista di verdura fresca, ravanelli e pomodorini maturi.

Insalata di riso Venere

Ingredienti per 4 persone:

  • 240 gr di riso Venere;
  • 150 gr di pomodorini datterini;
  • 100 g di polpa di avocado tagliata a dadini;
  • 100 g di mais dolce;
  • 40 g di rucola sminuzzata;
  • 4 cucchiai di olio di sesamo.

Lessate il riso Venere, scolatelo e fatelo raffreddare. Nel frattempo in una ciotola capiente raccogliete tutti gli ingredienti per il condimento. Unite il riso a temperatura ambiente, mescolate e condite con l’olio di sesamo. Dividete in porzioni e servite, oppure conservate in frigo e servite freddo.

23 settembre 2016
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Francesca Antonucci, lunedì 26 settembre 2016 alle17:26 ha scritto: rispondi »

L'olio di sesamo ha un punto di fumo leggermente superiore ai 180 °C. Si può riscaldare e nel caso delle cotture in forno si deve tener conto che la temperatura interna del cibo è inferiore a quella del forno stesso. Questa considerazione è utile ma non esclude l'attenzione alla scelta dell'olio per la cottura. Grazie per la tua domanda.

mexsilvio, venerdì 23 settembre 2016 alle19:51 ha scritto: rispondi »

Non viene citato il punto di fumo di quest'olio , visto che si puo' mettere nei cibi che hanno cottura al forno sino a quanti gradi centigradi si puo' riscaldare ..?? grazie .

Lascia un commento