Olio di pesca: proprietà e usi

Estratto dal nocciolo di uno dei frutti estivi più amati, l’olio di pesca rappresenta una risorsa in ambito cosmetico e un concentrato di elementi che aiutano a mantenere la pelle sana e giovane. Tra gli oli di origine vegetale, quello di pesca si caratterizza per un profumo fruttato e delicato, per una colorazione chiara e soprattutto per una facilità di assorbimento che lo rende molto versatile.

I possibili utilizzi spaziano dal massaggio alla preparazione di creme e lozioni da applicare sul visto e sul corpo, ma l’olio di pesca si rivela molto utile anche per lenire lievi disturbi in modo del tutto naturale.

=> Scopri i fiori e la cosmesi naturale per la pelle


Le qualità nutritive presenti in questo unguento sono numerose: in primis la vitamina E e la vitamina A, entrambe fondamentali per la bellezza della pelle e per tenere lontani i segni dell’invecchiamento provocati dai radicali liberi. Oltre al potenziale antiossidante, l’olio di pesca vanta proprietà idratanti, nutrienti e sfiammanti.

Cura della pelle

L’olio di nocciolo di pesca sfrutta le virtù antiossidanti contenute in questo frutto e può essere utilizzato per la cura del viso, ad esempio aggiungendolo ai prodotti idratanti e anti-age quotidiani. Ideale per la preparazione di lozioni rinfrescanti e rigeneranti, quest’olio non lascia la pelle unta e si assorbe con rapidità consentendone un uso poco impegnativo. Molto efficace come ingrediente per realizzare un balsamo lenitivo e protettivo per le labbra screpolate, è anche un ottimo struccante.

=> Scopri i benefici della dieta del sale per la pelle


Per quanto concerne i benefici per la pelle del corpo, l’olio di pesca rappresenta una risorsa per facilitare l’assorbimento degli oli essenziali usati durante i massaggi, favorendo anche la riduzione delle smagliature e aiutando a combattere la cellulite.

Unghie e capelli

Applicato direttamente sulle unghie, l’olio di pesca aiuta a nutrire e levigare le lamine ungueali, aiutando anche ad ammorbidire le cuticole. Anche i capelli possono trarre notevoli benefici da questo olio naturale, che può essere sia frizionato sulle punte prima dello shampoo per sigillare le doppie punte sia aggiunto ai prodotti usati normalmente per il lavaggio, avendo cura di risciacquare con cura.

Contro le irritazioni

Vero toccasana per rinfrescare la pelle dopo una prolungata esposizione al sole, l’olio di pesca aiuta in tutte le situazioni che richiedono una immediata idratazione della pelle. Può rivelarsi efficace anche per risolvere piccoli problemi legati alla comparsa di prurito locale, dermatiti ed eczemi. In casi come questi, tuttavia, è sempre consigliabile recarsi dal medico per una visita e per richiedere un parere professionale prima di tentare rimedi fai da te.

=> Scopri i rimedi naturali per la zona T del viso


Devono evitare l’utilizzo di olio di pesca coloro che soffrono di allergie e che, di conseguenza, potrebbero avere reazioni cutanee spiacevoli. In generale, è importante segnalare al medico ogni effetto indesiderato spiacevole e assicurarsi di poter usare questo prodotto in concomitanza con l’utilizzo di altre pomate o soluzioni cutanee.

18 settembre 2017
Immagini:
Lascia un commento