La vitiligine rappresenta una malattia della pelle che può manifestarsi a qualsiasi età, caratterizzata dalla comparsa di macchie bianche causate dalla locale assenza o netta diminuzione delle cellule che producono melanina, i melanociti. Ne deriva un’evidente e più o meno estesa depigmentazione che può riguardare anche vaste aree dell’epidermide, non soggette a dolore o fastidio ma, nella maggioranza dei casi, responsabili di dare origine a disagio psicologico.

Tra le possibili cause sono annoverate sia patologie autoimmuni sia componenti genetiche, sebbene anche la componente emotiva sembra giocare un ruolo primario: in ogni caso, l’approccio nei confronti dei pazienti che soffrono di vitiligine prevede sempre l’intervento di più specialisti anche al fine di escludere il legame con malattie autoimmuni importanti, come il lupus.

=> Scopri le proprietà dell’olio di iperico


Le aree maggiormente colpite sono il volto, le articolazioni e le mani, tuttavia la casistica è molto ampia e le zone prive di pigmentazione possono sorgere su tutto il corpo. Trattare la vitiligine significa generalmente affidarsi a una serie di tecniche mirate a ridurre l’evidenza delle macchie, rendendo meno visibile il contrasto tra le varie aree caratterizzate da pigmentazione differente. Un valido aiuto può arrivare anche dall’utilizzo di alcuni rimedi naturali, fermo restando la necessità di chiedere il parere del medico soprattutto se si assumono farmaci e medicinali. L’olio di iperico, ad esempio, rappresenta un valido sostegno grazie alla sua capacità di favorire la rigenerazione cellulare.

Olio di iperico

L’olio di iperico, conosciuto anche come Erba di San Giovanni, rappresenta una risorsa da sfruttare per idratare, cicatrizzare, nutrire la pelle: ha un notevole potenziale antisettico e antinfiammatorio nonché riepitelizzante, tanto da poter essere usato per ridurre i segni dell’invecchiamento e schiarire le macchie. L’olio può essere applicato quotidianamente, alla sera, direttamente sulle zone interessate ma è necessario procedere con costanza e regolarità per poter notare qualche risultato. Lo si può trovare anche sotto forma di pomata o sapone naturale, prodotti indicati altrettanto durante il trattamento.

=> Scopri l’olio di iperico contro la candida


L’olio di iperico può essere preparato anche in casa, lasciando macerare per circa un mese una cinquantina di fiori freschi lavati e asciugati all’interno di un contenitore di olio vegetale (come quello di mandorle dolci), tenendolo parzialmente esposto al sole. Dopo averlo filtrato, può essere conservato a lungo in un luogo fresco e asciutto.

Consigli

Chi soffre di vitiligine deve esporsi al sole in modo limitato e usando una protezione solare molto elevata, infatti le aree depigmentate sono maggiormente sensibili ai raggi UV proprio perché prive di pigmenti. Da tenere sotto controllo sono sia lo stress, ritenuto spesso fattore scatenante, sia la presenza di patologie autoimmuni di cui la vitiligine può essere una manifestazione. Altri possibili rimedi naturali sono l’aloe vera, da usare localmente, gli integratori a base di enotera o di Ginkgo Biloba.

=> Scopri l’olio di iperico come antirughe


Dal punto di vista alimentare, è importante assicurare all’organismo un adeguato apporto di vitamine del gruppo B, sebbene alcune spezie come la curcuma possano aiutare a gestire le manifestazioni cutanee.

19 luglio 2017
Immagini:
Lascia un commento