La cura dei capelli è uno dei possibili campi di applicazione per l’olio essenziale di lavanda. Questo prodotto naturale si presta presto all’utilizzo anche in altri ambiti, che vanno dalle alterazioni nervose fino alla cura di affezioni della cute. Viene inoltre impiegato per la produzione di saponi e profumi per il corpo e di deodoranti per la casa.

=> Scopri tutte le proprietà e gli usi dell’olio essenziale di lavanda

L’olio essenziale di lavanda è ottenuto dall’omonima pianta, un sempreverde di origine mediterranea in grado di adattarsi anche a climi più freddi. Si ottiene nello specifico dalla Lavandula L., appartenente alla famiglia delle Labiate (che comprende anche la Lavandula angustifolia, la Lavanda officinalis e la Lavanda spica).

Cura dei capelli

L’olio essenziale di lavanda riserva diverse e positive sorprese per chi ha problemi di capelli o punta semplicemente a rivitalizzarli. A cominciare da un effetto antiforfora, che può essere ottenuto aggiungendo alcune gocce di questo estratto, se non già contenuto, a uno shampoo naturale delicato. Massaggiare durante la pulizia il cuoio capelluto e risciacquare delicatamente.

Una serie di massaggi al cuoio capelluto praticati con delle gocce di olio essenziale di lavanda si ritiene in grado di prevenire la caduta dei capelli e persino di favorire una naturale ricrescita in caso di alopecia già in atto.

=> Leggi come preparare in casa l’olio essenziale di lavanda

Tre gocce di olio essenziale di lavanda, unite a un cucchiaino di olio di ricino possono aiutare a ridonare lucentezza e vitalità ai capelli. Sarà sufficiente applicare il composto sull’intera lunghezza prima di andare a dormire, lasciare riposare la notte e al mattino effettuare uno shampoo utilizzando un prodotto delicato.

Infine questo olio essenziale può essere utilizzato anche per un trattamento preventivo anti-pidocchi. Aggiungere 3 gocce di olio allo shampoo utilizzato per lavare i capelli per ridurre il rischio di una possibile infestazione.

Altre applicazioni per l’olio di lavanda

L’utilizzo dell’olio essenziale di lavanda può interessare come detto diversi ambiti, a partire da quelli che influenzano l’umore e il sistema nervoso. In particolare questo rimedio naturale aiuta a contrastare l’insonnia alleviando stati di stress e ansia, che rappresentano due delle possibili cause del problema.

Aggiungere qualche goccia di olio essenziale di lavanda alla lozione per labbra o pelli screpolate (o in questo secondo caso anche arrossate o irritate) favorirà un più rapido recupero grazie anche alle sue proprietà antinfiammatorie.

La cute può beneficiare anche di altri possibili impieghi dell’olio essenziale di lavanda, come ad esempio il trattamento in caso di punture di insetti, piccole ustioni, tagli, bruciature, contunsioni. Contribuisce inoltre a ridurre il dolore muscolare e l’applicazione di alcune gocce può aiutare a ridurre manifestazioni di cinetosi.

I benefici offerti dall’olio essenziale di lavanda riguardano infine anche le reazioni allergiche. Soprattutto se abbinato a limone e menta piperita, questo rimedio naturale agisce da vero e proprio antistaminico alleviando anche i sintomi della febbre da fieno e dell’allergia a gatti, cani e polvere.

Per sfruttare tale azione versare poche gocce dell’estratto sul palmo della mano e con l’indice dell’altra applicarlo tra naso e labbro superiore, sugli zigomi e sopra le sopracciglia, evitando però il contatto con il contorno occhi.

11 novembre 2016
Lascia un commento