Olio d’oliva rimedio naturale contro il diabete, ecco perché

L’olio d’oliva, soprattutto quello extravergine, potrebbe essere considerato uno dei più importanti cibi adatti a promuovere la salute. Uno studio italiano ha messo in evidenza che è un rimedio naturale anche contro il diabete.

Gli esperti del Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche dell’Università La Sapienza di Roma hanno scoperto che l’olio d’oliva è in grado di tenere sotto controllo la glicemia dopo i pasti. Questa capacità è dovuta ad una molecola contenuta in uno degli ingredienti essenziali della dieta mediterranea. Si tratta dell’oleuropeina.

=> Scopri perché l’olio d’oliva allunga la vita del 25%

Gli studiosi hanno coinvolto un gruppo di volontari sani. Alcuni di loro hanno assunto 20 milligrammi di oleuropeina e altri un placebo. Controllando il loro livello di zucchero nel sangue due ore dopo il pranzo i ricercatori hanno riscontrato che la glicemia era bassa soltanto nei volontari che avevano assunto la molecola contenuta nelle olive e quindi anche nell’olio d’oliva. Francesco Violi, principale autore dello studio, ha spiegato:

Dalla ricerca è emerso che l’extravergine d’oliva si comporta come un antidiabetico con un meccanismo simile ai farmaci di nuova generazione.

=> Leggi calorie, valori nutrizionali e proprietà dell’olio d’oliva

I farmaci di ultima generazione contro il diabete sono basate sulle incretine, degli ormoni che hanno il compito di ridurre la glicemia. L’olio d’oliva aumenterebbe le incretine, agendo contro l’incremento dei livelli di zucchero.

Per i diabetici i picchi di zucchero raggiunti nel sangue dopo i pasti sono molto pericolosi, ma rappresentano un rischio anche per le persone sane. I picchi di glicemia stimolano la produzione di insulina e tutto ciò nel tempo può favorire l’insorgenza del diabete negli individui predisposti. Ecco perché l’olio extravergine d’oliva rappresenta anche uno strumento utile per la prevenzione. Francesco Violi ha ribadito:

Numerosi studi hanno dimostrato che i picchi di glucosio e colesterolo dopo i pasti sono potenzialmente dannosi nei pazienti a rischio di complicanze ateriosclerotiche, come i diabetici.

Attraverso l’assunzione di oleuropeina contenuta nell’olio d’oliva, si potrebbero ridurre i rischi e le complicanze, come il maggior pericolo di incorrere nell’infarto e nell’ictus.

13 settembre 2018
Lascia un commento