Scegliere olio d’oliva extra vergine di qualità aiuta a contrastare le malattie cardiovascolari e i tumori. Questi i risultati presentati durante il convegno “Salute e prevenzione: nuove frontiere per l’extra vergine”, organizzato a Chieti da Coldiretti-Fondazione Campagna Amica e Lega italiana per la lotta contro i tumori. Dai dati presentati si nota inoltre come il comportamento nell’acquisto da parte degli italiani vada modificandosi, con una sempre maggiore attenzione verso le produzioni di alto livello e gli oli 100% italiani.

>>Scopri come l’olio d’oliva possa aiutare la dieta in maniera naturale

L’olio d’oliva deve le sue particolari proprietà alla presenza naturale di antiossidanti quali i fenoli secoiridoi. Questi ultimi rappresentano un elemento importante per la sollecitazione delle attività di chemioprevenzione, diminuendo le possibilità che forme tumorali possano manifestarsi. L’attività contro gli agenti ossidanti consente anche una migliore tenuta dell’organismo nei confronti di malattie come quelle cardiovascolari, in particolare se l’olio è realizzato con standard quantitativi alti e di conseguenza ricco di questi preziosi elementi.

>>Leggi come scegliere l’olio extra vergine d’oliva

Secondo i più recenti studi epidemiologici la qualità dell’olio d’oliva consumato giocherebbe un ruolo fondamentale nella sua attività di prevenzione delle patologie croniche o degenerative. Tra queste sembrano destinate a inserirsi anche gastrite e ulcerta, il cui batterio responsabile (Helicobacter Pylori) risulterebbe inibito dalle proprietà a disposizione dell’olio EVO (Extra Vergine d’Oliva).

Consumo di olio d’oliva extra vergine che risulta in media pari 14 chili a testa ogni anno. I numeri riguardanti il suo acquisto hanno poi evidenziato un certo mutamento nel comportamento dei consumatori italiani.

Cresce l’attenzione verso la qualità e la provenienza certificata del prodotto, con il 72% dei clienti della GDO (Grande Distribuzione Organizzata) che sceglie un’olio EVO di alta qualità rispetto a chi sceglie un normale olio d’oliva (13%). In aumento anche il mercato relativo al settore del “made in Italy”, con il 12% degli acquirenti che sceglie il marchio “100% italiano”.

19 aprile 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento