Lo vendevano come olio biologico 100% ma in realtà di biologico quel prodotto aveva solo l’etichetta. Una maxi truffa è stata scoperta dagli uomini della Guardia di Finanza di Andria e Trani, in collaborazione con l’ispettorato repressione frodi di Roma e Bari. Questa mattina i finanzieri hanno arrestato 16 persone e hanno sequestrato preventivamente 15 imprese coinvolte in uno dei giri di contraffazione più eclatanti degli ultimi anni.

La banda di piccoli imprenditori del settore agricolo vendeva infatti dell’olio spacciato per biologico per poter accedere alle agevolazioni previste per il made in Italy, ma in realtà il prodotto venduto non solo non era biologico, ma in parte non era nemmeno olio. I truffatori infatti raccoglievano olio di scarto dai ristoranti, pizzerie e altre attività di ristorazione da mezza Italia e li importavano persino dalla Spagna, lo mescolavano con altre sostanze grasse e lo imbottigliavano dandogli un aspetto sano. Tra le sostanze che componevano questo “olio” c’erano i fondami (il residuo che resta in fondo alle bottiglie di olio), oli esausti oppure, nel migliore dei casi, olio rubato o di qualità tutt’altro che biologica.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti erano coinvolte in questo giro d’affari tre organizzazioni criminali pugliesi, di cui due facenti capo a un imprenditore di Andria, le quali commercializzavano l’olio nel territorio pugliese e calabrese, con la collaborazione di imprenditori locali compiacenti. Le organizzazioni criminali si occupavano anche di redigere false fatture che attestavano l’acquisto da imprenditori locali di olio biologico italiano per dimostrare una filiera legale che però non corrispondeva alla realtà.

Questa mattina, in seguito agli arresti per il reato di associazione a delinquere, sono anche state sequestrate 400 tonnellate di olio, definito dalla Guardia di Finanza con “proprietà organolettiche scadenti e/o contaminate”. Il giro d’affari stimato dagli inquirenti ammontava a circa 30 milioni di euro.

24 luglio 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
Isidoro, martedì 5 agosto 2014 alle11:30 ha scritto: rispondi »

Beh, direi proprio che NOME, COGNOME ed indirizzo è il meno che si possa pubblicare. Poi, bisognerebbe che costoro fossero alimentati direttamente e solo con questi loro prodotti, giusto per verificarne la validità commerciale.

dino2008, venerdì 25 luglio 2014 alle8:04 ha scritto: rispondi »

dovete pubblicare nome e cognome aziende. Condanne a vita : reato fiscale, salute pubblica, adulterazione. o sono già ai domiciliari. Propongo il taglio delle mani, una è poco, sarebbe più adatto il collo....

Lascia un commento