Olio di pesce un aiuto naturale contro lo stress cronico

L’olio di pesce assunto sotto forma di integratore può aiutare a proteggere il cervello dallo stress cronico e a ridurre i danni causati dallo stress post-traumatico, rappresentando dunque un rimedio efficace contro tali disturbi. Lo rivela una nuova ricerca condotta dalla John’s Hopkins University.

Nello specifico i ricercatori hanno studiato l’efficacia di tale tipologia di integratore alimentare nella prevenzione dello sviluppo del disturbo da stress post-traumatico, testandolo sui soccorritori coinvolti nelle operazioni successive al catastrofico terremoto che ha colpito il Giappone nel 2011. In base a quanto emerso con i risultati è l’omega-3 l’ingrediente chiave dell’efficacia dell’olio di pesce, un acido grasso essenziale che soprattutto nelle donne riuscirebbe a riparare le aree del cervello danneggiate da eventi traumatici.

=> Scopri come gli omega-3 dell’olio di pesce aiutino a guarire dopo un infarto


Quando una persona sperimenta un evento traumatico il cervello rilascia cortisolo, conosciuto come l’ormone dello stress, che influenza la trasmissione del glutammato, un neurotrasmettitore che svolge un ruolo importante nella memoria, nell’apprendimento e nelle abilità cognitive. È stato scoperto che l’omega-3 inibisce il rilascio di cortisolo proteggendo l’ippocampo da danni che potrebbero portare allo stress cronico.

Le capsule di olio di pesce vengono commercializzate da decenni promettendo di migliorare la salute del cervello e persino di prevenire malattie come la sclerosi multipla e le allergie infantili. Anche le persone che soffrono di disturbi da stress post-traumatico hanno affermato che nel tempo tale integratore ne ha alleviato sintomi come depressione, aggressività e ansia. Il merito è attribuito all’acido grasso omega-3, che secondo gli scienziati aumenta la rigenerazione dei neuroni nell’ippocampo e nell’amigdala, due aree del cervello comunemente associate allo stress cronico.

=> Leggi perché gli omega-3 nell’olio di pesce aiutino contro l’epilessia


Si pensa che l’omega-3 abbia un effetto positivo e antinfiammatorio, e che possa aiutare a proteggere le persone da alcune malattie. Oltre che nell’olio di pesce, questo acido grasso essenziale si trova in quantità abbondanti in alcuni pesci grassi come il salmone, la trota, il tonno, le sardine e le acciughe, ma anche in alcuni alimenti vegetali come le noci, i semi di Chia, le mandorle, l’avocado e gli spinaci; considerando che il corpo non è capace di produrlo da solo occorre dunque integrarlo con una dieta sana e varia che lo comprenda. Oppure con gli integratori, come nel caso dell’olio di pesce, che ancora una volta sembra avere un effetto riparatore nel cervello.

24 aprile 2018
Immagini:
Lascia un commento