I benefici dell’olio di borragine per la salute della pelle e dell’organismo in generale sono ben noti, così come i vantaggi che derivano dall’assunzione di Omega 6 e antiossidanti, di cui questo prodotto è particolarmente ricco. Derivato dalla pianta Borago officinalis, di origine orientale coltivata anche in Europa, viene estratto attraverso un procedimento di spremitura a freddo che consente di preservare l’integrità di tutti valori presenti al suo interno, in particolare degli acidi grassi non aggrediti da alcuna sostanza solvente.

Sebbene sia un concentrato di qualità benefiche per la circolazione, l’invecchiamento cellulare, le problematiche ormonali femminili e la stessa artrite reumatoide, l’olio di borragine come integratore alimentare non dovrebbe essere assunto in modo smodato e incontrollato, cercando sempre di bilanciare l’apporto di Omega 6 e Omega3, acidi grassi essenziali che si rivelando fondamentali per la salute ma che devono rispettare determinate proporzioni per sortire i maggiori effetti positivi

=> Scopri le proprietà dell’olio di borragine


Un maggiore contributo di Omega 6 a discapito degli Omega 3, ad esempio, potrebbe favorire uno stato di infiammazione potenzialmente pericoloso per la salute, agendo negativamente sulla pressione sanguigna e sulla concentrazione di lipidi nel sangue. Per questo motivo è sempre consigliabile consultarsi con il medico prima di decidere autonomamente di assumere integratori, assicurandosi di inserire nella dieta anche alimenti che contengano Omega 3, come il pesce azzurro e i semi di lino, programmando un regime alimentare sano e bilanciato.

Controindicazioni

Se per quanto riguarda l’utilizzo cosmetico dell’olio di borragine non sembrano esserci particolari controindicazioni, lo stesso principio non vale per l’assunzione di integratori alimentari che lo contengono. È controindicato, infatti, nei soggetti che assumono farmaci anticoagulanti o antitrombotici: l’acido linolenico presente al suo interno, infatti, limita l’aggregazione delle piastrine e rallenta la coagulazione del sangue.

=> Scopri le proprietà della borragine


Non è indicato, inoltre, assumerlo in concomitanza a terapie a base di farmaci neurolettici o antinfiammatori non steroidei. Il consulto con il medico è doveroso soprattutto per escludere eventuali ipersensibilità ai principi attivi contenuti in quest’olio, così come per chi soffre di patologie legate alla coagulazione o episodi di epilessia. Anche durante la gravidanza o l’allattamento al seno l’assunzione di olio di borragine dovrebbe essere sempre concordata con il curante.

Effetti collaterali

Per quanto riguarda gli effetti collaterali, gli integratori a base di olio di borragine assunti per via orale potrebbero dare origine a una serie di disturbi dell’apparato gastrointestinale. In particolare, a subire danni potrebbero essere le pareti dello stomaco e dell’intestino, qualora si superino le dosi consigliate.

=> Scopri come coltivare la borragine


Un aumento dei livelli di grassi assorbiti dall’intestino potrebbe causare episodi di diarrea e, soprattutto, perdite fecali involontarie. Oltre alla diarrea, altre manifestazioni possibili sono nausea e vomito, gonfiore addominale e flatulenza. L’elevato apporto calorico dell’olio, inoltre, può condurre a un aumento di pesonon trascurabile.

Dove trovarlo

L’olio di semi di borragine come integratore alimentare può essere reperito sotto forma di perle o capsule in farmacia e in erboristeria. Deve essere consumato secondo le indicazioni riportate sulla confezione ed entro la data di scadenza segnalata.

12 giugno 2017
Lascia un commento