La vita sedentaria è un fattore di rischio tra i più pericolosi per l’insorgenza di obesità e patologie cardiovascolari. Anche tra la popolazione infantile, la percentuale di individui obesi e sovrappeso è in continuo aumento. Per prevenire l’eccesso di peso patologico, gli esperti della Texas A&M University hanno proposto l’introduzione di “standing desk” nelle scuole.

I ricercatori americani da tempo sono alla ricerca di soluzioni incisive contro la piaga dell’obesità, perché negli Stati Uniti il problema è piuttosto diffuso tra i bambini. Basti pensare che ben il 17% della popolazione in età scolare ha un IBM che sfora di diversi punti i valori norma.

Gli autori dello studio, pubblicato sulla rivista International Journal of Environmental Research and Public Health, hanno analizzato un campione di 374 studenti, provenienti da tre diverse scuole elementari del Texas. Gli alunni sono stati invitati a utilizzare degli standing desk, speciali banchi più elevati di quelle tradizionali che consentono di studiare e lavorare sia stando in piedi che sedendosi sugli sgabelli.

Alla fine della sperimentazione, i ricercatori hanno confrontato i dati degli studenti che avevano utilizzato standing desk con quelli degli alunni che avevano partecipato alle lezioni stando seduti nei banchi tradizionali. Dalla comparazione è emerso che i primi avevano speso il 15% di calorie in più rispetto ai secondi. Gli standing desk potrebbero dunque rappresentare una soluzione al sovrappeso, permettendo ai bambini di fare più movimento e di aumentare il metabolismo basale.

Dalla ricerca è emerso che a consumare molte calorie, rimanendo in piedi per un tempo maggiore, erano gli studenti più giovani e attivi. Oltre alla prevenzione dell’obesità, assistere in piedi alle lezioni ha reso gli studenti più partecipi e concentrati, come riportato dagli stessi insegnanti.

Precedenti studi hanno dimostrato che trascorrere diverse ore del giorno in piedi può aiutare a prevenire anche il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari.

7 ottobre 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento