NutriBees è una startup italiana che punta a rivoluzionare il mondo del food delivery, consegnando cibo salutare e tagliato sulle esigenze dei clienti. Per conoscere meglio questa realtà abbiamo rivolto alcune domande ad uno dei suoi fondatori, Giovanni Menozzi.

Come è nata l’idea di NutriBees?

NutriBees nasce unendo il nostro interesse, ed esperienza, nel settore online con il mio interesse verso il mondo della nutrizione: interesse nato da una problematica di salute di un mio familiare che ci ha portato a riconsiderare cosa effettivamente mangiavamo ogni giorno e come questo potesse prevenire, o successivamente aiutare a curare, le principali patologie dei giorni nostri. Da questa unione nasce l’idea di far partire un servizio che renda facile mangiare in maniera corretta, personalizzata e buona a qualunque persona in Italia interessata a migliorare il suo benessere.

Ci spieghi rispetto ai servizi di food delivery già presenti sul mercato quali sono le caratteristiche distintive di NutriBees e perché un cliente dovrebbe essere interessato a comprare da voi?

  • Attivo a livello nazionale.
  • Solo piatti salutari (poco sale, no zucchero, no carne rossa, no grassi saturi “cattivi) : non si rischia di “sbagliarsi” ordinando un hamburger.
  • Prende in considerazione le esigenze nutrizionali dell’utente, menù approvato da una tra le più famose nutrizioniste italiane.
  • Comodità della spedizione settimanale e conservazione in frigorifero per 20 giorni.
  • Piatti più sani e personalizzati dei piatti pronti reperibili nella grande distribuzione o in gastronomia.

Che garanzie ha il cliente che i piatti che arrivano a domicilio con NutriBees siano davvero salutari?

Tutto il menù, e anche il test che ci aiuta a capire le esigenze alimentari degli utenti, sono studiati ed approvati insieme alla dottoressa Anna Villarini che è una delle biologhe nutrizioniste più famose a livello nazionale e da tanti anni attiva nel campo dello studio di alimentazioni adatte a prevenire le principali patologie dei nostri giorni (in particolare quelle oncologiche). Il nostro menù inoltre implementa tutte le ultime raccomandazioni dell’OMS inclusa ad esempio la limitazione al consumo di carne rossa che infatti, seppur qualche cliente ce la richieda, non è presente nel nostro menù.
In aggiunta la cottura sottovuoto permette di mantenere le proprietà e la consistenza dei cibi preparati

Sul sito non sono indicate le provenienze degli ingredienti utilizzati per i piatti che preparate. Ci puoi dire come selezionate gli ingredienti e se in futuro ci sarà maggiore visibilità sull’origine del cibo da voi utilizzato?

Gli ingredienti sono selezionati dalla nostra cucina utilizzando principalmente partner locali che collaborano con loro da decenni offrendo un prodotto di qualità. Tutte le modifiche che verranno fatte sul nostro sito nei prossimi mesi deriveranno dal feedback dei nostri utenti quindi se emergerà questo interesse sicuramente aggiungeremo alcune informazioni riguardo la provenienza degli ingredienti.

Che numeri state facendo finora e che aspettative ci sono per i prossimi mesi?

Essendo partiti a Giugno siamo ancora in piena fase di startup ma stiamo crescendo a doppia cifra di mese in mese e contiamo di continuare così e anzi accelerare ulteriormente con la nuova versione del nostro sito in cui saranno visibili e selezionabili i singoli piatti.

Quali saranno i miglioramenti che intendete apportare a NutriBees nei prossimi mesi?

Con la versione 2.0 del sito saranno accorciati i tempi tra l’ordine e la consegna e il cliente potrà selezionare le singole ricette che vorrà ricevere (sempre consigliato dal nostro test).

Gli step successivi saranno vari:

aggiunta del pasto “colazione” nella nostra offerta.
– aggiornamento costante del menù e realizzazione di progetti speciali con menù a tema.
– aggiungere la possibilità di effettuare test medici pre-post abbonamento per monitorare i miglioramenti raggiunti
– inizio di un programma referral per gli utenti

6 ottobre 2017
Lascia un commento