È stata presentata ieri presso lo stabilimento di Pomigliano d’Arco (dove verrà assemblata) la nuova Fiat Panda. Terza generazione della compatta cittadina, che ha il compito di continuare la tradizione di successi del modello, ininterrottamente ai primi posti delle auto più vendute in Italia fin dal 1980.

Compatta, ben dotata, parca e più pulita rispetto al modello che va a sostituire, la nuova Panda punta le sue carte sulla maneggevolezza e la praticità, presentandosi con una linea moderna e ben proporzionata, interni di buona fattura e la comodità delle 5 porte. Le dimensioni, pur restando contenute, sono cresciute di qualche centimetro consentendo ai progettisti di poter offrire un abitacolo spazioso e confortevole: ben 14 vani portaoggetti oltre a un vano di carico che, in configurazione standard (cioè con tutti i sedili a disposizione dei passeggeri) misura 225 litri, estendibili fino a 260 facendo scorrere il sedile posteriore in posizione completamente avanzata e fino a 870 litri con lo schienale dei sedili posteriori abbattuto.

I tre allestimenti, Pop, Easy e Lounge, si possono abbinare al momento del lancio a quattro motori. Tra questi ci sono il 1.2 EVO II da 69 cavalli, ultima evoluzione della famiglia FIRE, e il Multijet II da 75 cavalli, in regola con le normative antinquinamento Euro 5 e dotato di filtro DPF di serie, a cui si aggiungono tecnologie di trattamento dei gas di scarico come la “Close Coupled Diesel Particulate Filter”, una sorta di trappola per il particolato ravvicinata, e il sistema EGR (Exhaust Gas Recirculation) integrato, che assicura minori emissioni e consumi contenuti grazie all’ottimizzazione della temperatura e del flusso dei gas combusti.

Ma a spiccare, nella gamma della nuova FIAT Panda, sono i due bicilindrici TwinAir, due unità di 900 cc dotati di sistema Start&Stop e consumi quasi da record. Il primo, il TwinAir Turbo da 85 cavalli, eroga una coppia di 145 Nm a 1.900 giri/min e presenta la funzione ECO attivabile tramite un tasto. In questa modalità la coppia è limitata a 100 Nm a 2.000 g/min, ma vengono privilegiati i consumi e le emissioni di CO2, con dati dichiarati nel ciclo misto rispettivamente di 4,2 litri/100 km e 99 di g/Km.

Il TwinAir aspirato debutta in anteprima proprio sulla Panda, dove scarica una potenza massima di 65 cavalli a 6.250 giri/min e una coppia di 88 Nm a 3.500 giri/min. Il suo punto di forza è l’impatto ambientale contenuto, con consumi ed emissioni identici alla versione sovralimentata con funzione ECO attivata e pari quindi a 4,2 l/100km e a 99 g/Km, ovviamente a fronte di prestazioni in linea con le esigenze di una citycar compatta.

In chiave ambientale, però, il piatto forte sarà servito solo nella seconda metà del 2012, quando entreranno in gamma i propulsori bi-fuel 900 cc TwinAir Turbo Natural Power da 80 cavalli, che offrirà la possibilità di viaggiare a metano o a benzina, e il 1.2 EasyPower da 69 cavalli, anch’esso unità bi-fuel ma in questo caso caratterizzato dall’accoppiata benzina-GPL. Sempre dopo l’estate arriverà infine la trasmissione automatica robotizzata Dualogic in abbinamento ai motori TwinAir.

La nuova FIAT Panda sbarcherà nei concessionari tra pochi giorni: sarà infatti acquistabile dal 20 dicembre a un prezzo di partenza di 10.200 euro.

15 dicembre 2011
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
Tognaccini Gabriele, lunedì 21 maggio 2012 alle11:24 ha scritto: rispondi »

ho già una fiat panda-metano del 2007, perfetta in tutto, attento la nuova per avere tanti Cv. in più, insieme al nuovo confort. Gabriele Tognaccini-INCISA V.NO (FI) 

Agostino, mercoledì 29 febbraio 2012 alle18:58 ha scritto: rispondi »

è bellissimaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Agostino, mercoledì 29 febbraio 2012 alle18:57 ha scritto: rispondi »

è bekkissimaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Lascia un commento