Tra le sette vite di Norman, un bellissimo gatto nero inglese, per quella in corso si è addirittura celebrato un triste e inconsolabile funerale. No, il micio non è passato a miglior vita: semplicemente i suoi proprietari l’han scambiato per un altro felino, quest’ultimo molto meno fortunato. E Norman è così diventato l’ennesimo fenomeno del Web, ormai ribattezzato come il gatto “risorto” dalla morte.

>>Scopri perché i gatti hanno sette vite

Karen Jones, una donna di Ashford nel Kent, non è riuscita a credere ai suoi occhi quando si è vista Norman gironzolare per casa, in cerca di un po’ di cibo. Sì, perché il gattone era stato seppellito in giardino il giorno prima, con tanto di cerimonia funebre improvvisata. Eppure il felino non è tornato dal mondo dei morti, bensì è stato solo vittima di uno scambio d’identità.

Qualche giorno prima al ritrovamento, infatti, Karen ha trovato un gatto nero esanime sulle strade vicine alle sua abitazione. Un testimone ha confermato il fattaccio: un’auto è sfrecciata a tutta velocità e ha investito il micio, uccidendolo sul colpo. La taglia, gli occhi, le fattezze: non vi erano dubbi, quel gatto deceduto era certamente Norman. Così, raccolto il corpo, il figlio della donna ha scavato una buca in giardino, vi ha adagiato il cadavere ed ha addirittura posto una statua in ceramica, per ricordare l’amico a quattro zampe passato a miglior vita. Peccato, però, che non si trattasse affatto del gatto della signora Jones.

Il giorno dopo al funerale Norman è apparso e si è mostrato brontolone, perché aveva saltato la colazione. Non potevamo crederci. L’abbiamo raccolto e abbiamo iniziato a coccolarlo. All’inizio ho pensato fosse resuscitato dalla morte. Poi ho realizzato come probabilmente abbiamo seppellito il gatto sbagliato. È stato incredibilmente emozionante, perché abbiamo passato un’intera giornata addolorati. Improvvisamente ci siamo trovati a passare dalle lacrime di tristezza a quelle di gioia. Ho detto: “Sei tu Norman?” e mi ha risposto miagolando. È un gatto molto chiacchierone. L’ho preso, l’ho mostrato a tutti e ho detto: “Norman è tornato dal mondo dei morti”.

>>Leggi la proposta per un cognome per cani e gatti

Pare che il gatto fosse solito allontanarsi da casa anche per diversi giorni, quindi la possibilità di un incidente stradale non è apparsa inverosimile. Certo, forse un collarino o una targetta avrebbero facilitato il riconoscimento del felino, levando ogni dubbio su morte e contestuale resurrezione.

20 maggio 2013
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento