Nord Est, distrutta la foresta degli Stradivari

Nel Nord Est si è verificata una vera e propria strage di alberi a causa del maltempo, che ha portato alla distruzione della foresta degli Stradivari.

Nel giro di pochi giorni sono rimasti distrutti 10 anni di programmazione di tagli in tutto il bosco. Il maltempo nel Nord Est ha causato danni alle foreste in cui crescono gli abeti rossi nella Val di Fiemme, in Trentino, e nella Val Saisera, nella zona di Udine.

Si racconta che proprio in queste foreste Antonio Stradivari scegliesse il legno più adatto per la realizzazione dei violini. Attualmente gli alberi da impiegare per la creazione degli strumenti musicali sono selezionati tra quelli da abbattere in modo programmato.

=> Leggi di più sulla strage di alberi a Roma per il forte vento

È stata una vera devastazione, secondo quanto racconta anche Fabio Ognibeni, che da molti anni sceglie in queste zone gli alberi dai quali ricava il legno destinato alla produzione di violini, arpe e altri strumenti musicali.

Ognibeni ha spiegato che non vedrà mai più la foresta in cui è cresciuto, anche perché per una sua ricostruzione saranno necessarie centinaia di anni. Nello specifico è stato osservato che a causa del maltempo e del vento nel Nord Est sono stati abbattuti così tanti alberi che sarebbero serviti almeno 10 anni di abbattimenti programmati.

Si parla di una quantità di legno davvero impressionante, corrispondente a 700 mila metri cubi. Una quantità esagerata, se si pensa che in un anno si effettuano dei tagli per circa 90 mila metri cubi. I problemi non si verificheranno immediatamente, perché, come spiega Ognibeni, c’è una riserva di legno in magazzino sufficiente per qualche anno. I disagi si verificheranno però a partire dal 2020, quando finiranno le scorte.

5 novembre 2018
Lascia un commento