Nissan Leaf Open Car: l’auto elettrica giapponese si fa cabrio

Una variante cabrio per Nissan Leaf. Si chiamerà “Open Car” la vettura che ha debuttato in questi giorni a Tokyo in occasione di un forum dedicato alla “società a zero emissioni”. L’esposizione della nuova “Foglia” è scattata per festeggiare il superamento dei 100 mila esemplari venduti (dal primo lancio nel 2010) per quella che è attualmente una tra le più conosciute auto elettriche sul mercato.

La Nissan Leaf Open Car seguirà l’esempio già tracciato dalla versione “standard”, con l’impiego di tutte quelle tecnologie che stanno contribuendo a delineare la Nissan Intelligent Mobility. Un progetto quest’ultimo che punta, nelle intenzioni della casa automobilistica giapponese, ad affermare la “Foglia” quale alfiere di una mobilità sostenibile e al servizio delle città. Proprio la sostenibilità e la creazione di una “società a zero emissioni” sono stati i temi discussi a Tokyo in occasione del forum.

=> Leggi perché Nissan Leaf si è guadagnata le 5 stelle Euro NCAP per la sicurezza

La presentazione di Nissan Leaf Open Car porta di nuovo l’attenzione su quelle che sono le novità tecnologiche introdotte dalla Nissan Intelligent Mobility lo scorso ottobre. A cominciare dal sistema di assistenza alla guida ProPILOT, che garantisce maggiore sicurezza e piacere al volante, seguito dal supporto in fase di parcheggio offerto dal sistema ProPILOT Park.

Ulteriore novità introdotta con la nuova Nissan Leaf è l’e-Pedal, l’innovativo sistema che afferma un unico pedale elettronico come strumento per accelerare e frenare durante la marcia della vettura. Presente per garantire una maggiore sicurezza anche un pedale del freno esclusivo, riservato però all’eventuale necessità di una frenata più robusta e rapida.

29 maggio 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento