La Nissan Leaf è un veicolo ben conosciuto dal mondo degli ambientalisti e dagli appassionati di auto elettriche, perché uno dei primi modelli costruiti e distribuiti su larga scala, grazie anche a un battage mediatico serrato. Ma il colosso automobilistico giapponese ha in serbo altre sorprese per quest’auto ecologica: una versione che si guida completamente da sola, senza bisogno dell’ausilio dell’autista.

Il progetto è certamente ambizioso ed è stato presentato alla Ceatec Exhibition in corso in Giappone. Si chiama Nissan Leaf NSC 2015 – un nome che lascia presagire la data di lancio del modello sul mercato – ed è un concentrato di tecnologia informatica, sensori e telecamere, affinché l’auto sia in grado di spostarsi senza l’ausilio di un guidatore.

Non è ovviamente il primo esperimento di automobili self-driving apparse sui media, basti pensare ai vari esperimenti di Google, ma di certo si tratta del primo prototipo che aspira davvero a immettersi sul mercato della grande distribuzione. Da quanto si apprende, l’auto elettrica è in grado di parcheggiare autonomamente grazie ad appositi sensori anche in situazioni complesse, come un parcheggio sotterraneo multilivello. Inoltre, tramite l’ausilio di un’applicazione sia per iOS che per Android, il veicolo può essere comandato da remoto: ad esempio, si può indicare la propria locazione e attendere che la vettura ci passi a prendere.

Per riuscire in questo scopo, la Nissan Leaf NSC 2015 vede montate quattro telecamere, due frontali e due posteriori, che confrontano il manto stradale con una mappa di diagnostica pre-caricata o consultata in real time tramite connettività 4G LTE, mantenendo la giusta posizione in carreggiata, la velocità consentita e la corretta distanza fra le altre automobili presenti in strada. Servirà ancora del tempo, tuttavia, affinché possa essere consegnata nelle mani dei consumatori: vi sono delle questioni che rimangono irrisolte, ovvero come il veicolo possa rendersi autonomo su rotte sconosciute non presenti nel suo database.

7 ottobre 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento