Sbarca ufficialmente in Italia Nissan Leaf Black Edition. Ad annunciarlo la stessa azienda giapponese, che porta nel Bel Paese l’edizione speciale della “foglia” in versione “total black”. Le caratteristiche di questa nuova elettrica a zero emissioni non si fermano però alla particolare veste scura.

=> Guarda le prime immagini della Nissan Leaf di nuova generazione

Nissan Leaf Black Edition è basata sull’allestimento Acenta e potrà contare su una tecnologia innovativa e sistemi di sicurezza avanzati. Come ha dichiarato Gareth Dunsmore, direttore Veicoli Elettrici di Nissan Europe:

La nuova LEAF Black Edition rappresenta l’impegno di Nissan nel rendere accessibili prodotti intelligenti e di qualità. Questa versione speciale combina lo stile dinamico all’innovativa tecnologia a zero emissioni di Nissan per garantire ai clienti una soluzione di mobilità integrata nel contesto urbano e sostenibile.

In questo caso il design non pregiudica ma esalta una guida entusiasmante basata su soluzioni ingegneristiche di prima categoria, a dimostrazione del fatto che scegliere un’auto elettrica non equivale a scendere a compromessi.

=> Scopri il prototipo Cocoon di Nissan Leaf

Tra le caratteristiche più in vista della nuova Nissan Leaf Black Edition figurano cerchi in lega da 16”, calotte dei retrovisori neri e spoiler al tetto posteriore nero. Per quanto riguarda il lato più innovativo a livello tecnologico si trovano l’Intelligent Around View Monitor e il NissanConnect EV.

Nissan Leaf BE presenterà un telaio appositamente progettato per l’Europa oltre a guida e manovrabilità ottimizzate, e coppia istantanea. I primi 1000 clienti europei che riusciranno ad aggiudicarsi questa Leaf a tiratura limitata disporranno anche di un Hotspot WiFi gratuito a bordo del veicolo, in grado di collegare fino a 8 dispositivi.

Il prezzo di vendita della Black Edition della “foglia” è fissato a 38.790 euro chiavi in mano, comprensivo di vernice metallizzata. La finestra di acquisto aperta a marzo da Nissan si chiuderà definitivamente ad agosto 2017.

1 marzo 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento