Nissan installa maxi tetto solare condiviso nei Paesi Bassi

Nissan punta con decisione sulle rinnovabili installando il più grande tetto solare condiviso dei Paesi Bassi. A darne comunicazione la stessa azienda, che sottolinea inoltre come il Nissan Motor Parts Center europeo rappresenti la prima azienda olandese a mettere a disposizione di terzi il proprio tetto per consentire la produzione di energia sostenibile su vasta scala.

=> Scopri le novità ENEA su city car zero emission e solare

Il fotovoltaico presente sul tetto del Nissan Motor Parts Center consentirà di soddisfare il fabbisogno quotidiano di 900 famiglie. Il completamento della prima fase del progetto è previsto entro febbraio, mentre da maggio 2018 l’impianto potrà viaggiare a pieno regime. L’installazione dell’impianto solare va a rappresentare un ulteriore passo per l’azienda verso la Nissan Intelligen Mobility. Come ha dichiarato Koen Maes, Managing Director di Nissan Benelux (Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo):

Questo progetto rispecchia l’impegno di Nissan a rendere la mobilità più intelligente e sostenibile. Ecco perché stiamo concentrando i nostri sforzi sulla produzione di energia sostenibile e su idee come lo stoccaggio di energia nelle batterie usate, per fare in modo che i veicoli la possano reimmettere nella rete elettrica e alimentare il car sharing. Il nuovo tetto solare sarà uno dei punti centrali di questa evoluzione del modello di mobilità.

=> Scopri il primo impianto ibrido solare-eolico in Australia

La partecipazione è inoltre aperta a tutti, semplicemente versando una quota di 25 euro. A fornire i 20 mila pannelli solari previsti la ZonnepanelenDelen, il cui fondatore Sven Pluut ha dichiarato:

Tutti coloro che sono a favore dell’energia solare, ma non hanno un tetto su cui installare i propri pannelli possono acquistare uno o più pannelli ZonneDelen e quindi contribuire direttamente allo sviluppo delle energie sostenibili.

Annualmente verrà corrisposto ai titolari dei singoli pannelli fotovoltaici, per una durata di 15 anni, un rendimento di 15 anni calcolato sulla base della quantità di energia solare generata e del costo dell’elettricità. Grazie ai sussidi SDE+ Nissan potrà mantenere il prezzo per kWh al minimo per tutto il ciclo di vita del sistema.

A supportare l’iniziativa anche la ASN Bank e il fondo per la sostenibilità del Comune di Amsterdam, che devolveranno un totale di 3,2 milioni di euro. Come ha dichiarato Abdeluheb Choho, assessore alla sostenibilità della città:

Dato che il futuro di Amsterdam è strettamente legato a una maggiore produzione di energia solare, questo è un risultato molto importante per noi. Questa partnership tra residenti e aziende ha permesso di creare la prima, grande alleanza fondata sull’energia solare, grazie anche alle sovvenzioni per la sostenibilità stanziate dal Comune. Mi auguro che l’innovazione e l’audacia dimostrate da ZonnepanalenDelen e Nissan siano d’esempio per le altre aziende di Amsterdam.

23 novembre 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento