Il futuro della mobilità per Nissan è elettrico, lo dimostrano la presenza del marchio giapponese in 43 mercati ed in 4 continenti, e, soprattutto, i 190.000 veicoli ad impatto zero venduti dalla Casa del Sol Levante. Così, per completare la sua gamma ecosostenibile, è stata realizzata la nuova e-NV 200 Evalia a 7 posti, che abbiamo provato durante un test drive particolare, attraverso un percorso che ha toccato anche l’oasi del WWF di Maccarese, località nei pressi si Fiumicino.

È innegabile che proprio la sua destinazione come shuttle turistico ha invogliato gli uomini Nissan a dotare l’Evalia ad impatto zero di 2 posti ulteriori, per un totale di 7 posti, che sono resi particolarmente fruibili dalle porte scorrevoli posteriori. L’aspetto, è quello classico di un Van ed è difficile ad una prima occhiata, capire che si tratta di un mezzo elettrico.

Lo spazio a bordo è decisamente generoso, la posizione di guida, comoda e rialzata, mentre il bagagliaio va dai 440 litri fino a 2.940 m3 abbattendo i 5 posti posteriori. Ci sono 3 modi per ricaricare: standard, con la presa di casa (10-12 ore), attraverso la Wallbox (4 ore), oppure mediante le colonnine di ricarica rapida (30 minuti). L’autonomia è di 167 km e questo la rende pratica anche nell’utilizzo giornaliero. Tra l’altro con 254 Nm di coppia disponibili direttamente a zero giri motore, l’accelerazione e la ripresa sono sempre di livello.

Al volante, si apprezza soprattutto il comfort, visto che si viaggia in totale silenzio, ma volendo, anche quando si spinge sull’acceleratore per scoprire un nuovo modo di guidare e saggiare le doti dell’accelerazione istantanea, la tenuta è buona e il telaio risponde in modo sincero. I 109 CV di potenza sembrano più che sufficienti ad assicurare il giusto brio, anche se la destinazione d’uso impone una condotta turistica.

Non ci sono, dunque, controindicazioni sull’utilizzo di questo van elettrico, anzi, secondo gli uomini Nissan, i vantaggi sarebbero molteplici. Per prima cosa si parla di costi di gestione più contenuti, fino al 41% rispetto al corrispondente veicolo a gasolio, e poi ci sono le agevolazioni per chi vive in una città come Roma, quali il parcheggio gratuito e l’accesso libero alla ZTL.

Entrando nello specifico, si scopre  che, in confronto all’Evalia diesel, in 7 anni ci sono 7.000 euro di risparmio solo per le mancate soste dal benzinaio. Inoltre, i costi di manutenzione e di assicurazione, comportano un ulteriore vantaggio di 3.000 euro in 7 anni, per un totale di 10.000 euro in 7 anni.

Ma veniamo al capito più proibitivo, soprattutto in Italia, quello relativo al listino; i prezzi vanno dai 28.218 euro della versione BUS con batteria noleggiata, fino ai 40.100 euro dell’Evalia Tekna con batteria acquistata. Volendo si può acquistare a parte la Wallbox, una scatola che si allaccia all’impianto elettrico dell’abitazione o  dell’azienda per ridurre in maniera drastica i tempi di ricarica. Ce ne sono 2 tipi, una con un cavo diretto ed una che utilizza il cavo in dotazione della vettura ed il costo varia dai 1.260 euro della Wallbox senza cavo da 3 kW ai 1.790 euro di quello con cavo da 6 kW. Il Contabilizzatore invece, una sorta di contatore da allacciare a quello condominiale, ha un costo di 160 euro.

Certo, la Wallbox rappresenta un costo ulteriore a quello di listino, non proprio contenuto, ma abbrevia, e di molto, i tempi di ricarica, ed inoltre estende la garanzia sulla batteria di trazione fino a 7 anni o 140.000 km.

Certo, per chi vive a Roma ci sono 5.000 euro di incentivi solo per veicoli commerciali che operano in ZTL, mentre a Modena e ad Ancona, si parla, rispettivamente, di 2.000 euro e di 1.000 euro di bonus sconto per l’acquisto di veicoli elettrici. Purtroppo, per il resto d’Italia non ci sono sostegni economici per incentivare il passaggio all’elettrico. Tutto questo, unito alla carenza delle infrastrutture adibite alla ricarica sul nostro territorio, rappresenta l’ostacolo più grande alla diffusione dei veicoli ad alimentazione elettrica nel nostro paese, quando in Francia, ad esempio, l’incentivo si aggira sui 6.300 euro, ed a Parigi arriva fino a 7.000 euro.

Quindi è più che comprensibile l’impegno di Nissan,  che si sta applicando per cercare nuove relazioni sia con i comuni che con le regioni, allo scopo d’investire in progetti comuni, per offrire una consulenza gratuita ai clienti e dialogare con il governo al fine di ridurre le tassazioni.

9 settembre 2015
I vostri commenti
paola mignosi, domenica 21 febbraio 2016 alle18:19 ha scritto: rispondi »

Voorei un preventivo immediato, urgente, per evalia elettrico 7 posti. Il miglior prezzo!!! ho molta fretta perchè non posso stare senza, mi hanno fatto offerta per leaf ma mi serve 7 posti

Lascia un commento