Nissan: e-NV200, al via le prime consegne del van elettrico giapponese

Al via le prime consegne per quanto riguarda Nissan e-NV200, il van 100% elettrico prodotto dalla casa automobilistica giapponese. Il veicolo ha visto la domanda raggiungere subito alti livelli, anche grazie all’incremento dell’autonomia di percorrenza, con una singola ricarica, offerto dalla nuova batteria da 40 kWh e da alcune caratteristiche condivise con la Leaf.

L’avvio delle consegne è stato stabilito in risposta agli oltre 4.600 ordini ricevuti da Nissan a partire da gennaio, quando l’e-NV200 è stato lanciato a livello mondiale (aprile la data di lancio in Italia). Gli esemplari che verranno consegnati ai richiedenti sono stati prodotti nell’impianto situato a Barcellona. Come ha affermato Gareth Dunsmore, Electric Vehicle Director – Nissan Europe:

La mobilità a zero emissioni è il futuro della logistica urbana e rende le consegne dell’ultimo miglio più sostenibili. Nissan e-NV200 van e la sua autonomia aumentata avranno un ruolo fondamentale nel realizzare tutto questo.

=> Guarda le immagini di Nissan e-NV200 WORKSPACE

Tra le caratteristiche che hanno contribuito a far crescere la domanda relativa al van elettrico Nissan e-NV200 figurano l’autonomia, stimata in circa 300 km (ciclo WLTP urbano) per una singola ricarica completa (+60% rispetto alla generazione precedente), e la possibilità di accedere alla ricarica rapida CHAdeMO europea. Due le versioni disponibili: e-NV200 ed e-NV200 Evalia. Entrambi i veicoli permettono una configurazione personale per quanto riguarda cestini, portapacchi e sedili.

La versione “classica” dispone di un vano di carico di 4,2 metri cubici, sufficiente per trasportare 2 europallet o un peso fino a 742 kg. In Italia è prevista anche una versione del van con 5,5m3. Nissan e-NV200 Evalia garantisce inoltre, unico van elettrico distribuito in Europa a permetterlo, sette posti. Questa soluzione lo rende ideale per il trasporto passeggeri, pur conservando la possibilità di aumentare il vano bagagli grazie ai sedili modulari.

28 maggio 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento