Nissan è uno dei costruttori più interessati alle auto senza conducente e la conferma si è avuta di recente, quando il gruppo ha fatto una dimostrazione su una strada pubblica in Giappone usando un esemplare della Nissan Leaf provvisto di guida autonoma.

Adesso, però, l’azienda intende fare un altro passo avanti e starebbe già pensando a modi e tempi per proporre al pubblico i primi modelli dotati di sistemi elettronici che non richiedono alcun intervento umano per viaggiare da un punto all’altro. Secondo alcune indiscrezioni, Nissan sarebbe orientata a lanciare un simile veicolo negli USA entro il 2020, anticipando forse i tempi rispetto a quanto prospettato da molti osservatori.

Al momento si starebbero valutando diversi aspetti necessari a consentire la libera circolazione delle auto senza conducente, tanto che la casa automobilistica avrebbe avviato colloqui con alcune autorità americane per chiarire gli aspetti legali derivanti da una tale novità: un passaggio indispensabile per capire come adattare i regolamenti che disciplinano attualmente il traffico su strade pubbliche alle nuove esigenze che i mezzi “intelligenti” imporranno.

I primi modelli a guida elettronica potrebbero comunque non essere del tutto auto-sufficienti durante i viaggi, limitandosi a prendere il controllo della situazione solamente in autostrada, per lasciare al conducente umano il compito di districarsi nelle situazioni più complesse come la guida nel traffico cittadino o su percorsi extraurbani ricchi di curve e di insidie di vario genere.

Non è chiaro se la prima vettura completamente autonoma di Nissan sarà un modello inedito o se verrà adottato un modello attualmente a listino, ma appare probabile che la scelta possa cadere sulla seconda ipotesi. Per questa ragione non sono in pochi ad indicare proprio l’elettrica Leaf, vettura apprezzata dal mercato, efficiente e ormai abbastanza collaudata dal punto di vista dell’affidabilità, come la principale candidata a rappresentare il debutto delle nuove tecnologie Nissan sulle strade pubbliche americane.

27 gennaio 2014
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento