La nigella sativa, meglio nota come cumino nero, è una pianta appartenente alla famiglia delle Ranunculaceae originaria dell’Asia centrale. Le sue qualità benefiche sono notevoli e possono essere sfruttate utilizzando prevalentemente i semi, da cui si ricava un olio essenziale caratterizzato da molti principi attivi, utili in ambito terapeutico.

In particolare, i semi della nigella contengono oli vegetali, oligoelementi, proteine e soprattutto Omega 3 e Omega 6: i primi sono importanti per tenere i livelli di trigliceridi entro i parametri consigliati e prevenire il rischio di sviluppare patologie cardiovascolari, mentre i secondi favoriscono il controllo del colesterolo “cattivo” (LDL).

=> Scopri le proprietà curative del cumino


Prima di passare in rassegna proprietà e benefici, è bene sottolineare che la nigella sativa non deve essere confusa con il cumino nero ricavato dal Bunium persicum, la medesima pianta da cui si ottiene il cumino comune.

Proprietà benefiche

La nigella sativa viene generalmente adoperata per uso sia interno sia esterno, sotto forma rispettivamente di gocce o granuli, come anche tintura madre e di olio essenziale. Questa pianta vanta qualità antinfiammatorie ed antipiretiche, così come sedative e antistaminiche. In particolare, alcune ricerche scientifiche sottolineano la capacità del cumino nero di tutelare il fegato dai possibili danni causati dall’uso prolungato di alcune tipologie di medicinali, grazie al potenziale antiossidante che svolgerebbe un’azione protettiva su questo importante organo.

=> Scopri le proprietà del coriandolo


Anche dal punto di vista gastrointestinale i benefici non mancano, specialmente per contrastare la formazione di ulcere e proteggere le pareti dello stomaco anche in seguito a pesanti terapie.

Per quanto riguarda la salute della pelle, l’olio essenziale di nigella sativa è in grado di dare sollievo in caso di dermatiti, eczemi e lievi scottature favorendo l’equilibrio cutaneo: considerato un antibiotico naturale, vanta proprietà antibatteriche e antispasmodiche.

Come usarla

I possibili usi della nigella sativa sono molteplici, spaziando dall’utilizzo topico sulla pelle alla preparazione di rimedi naturali per curare le affezioni del tratto respiratorio e i disturbi inerenti l’asma.

A tal proposito, ad esempio, per sedare la tosse è sufficiente praticare un leggero massaggio sul petto unendo poche gocce di olio essenziale a dell’olio di mandorle dolci, oppure adoperare alcune gocce all’interno di un comune brucia essenze.

=> Scopri le proprietà della curcuma


La nigella si rivela utile anche per favorire il flusso mestruale e placare alcune fastidiose manifestazioni tipiche della menopausa, come le vampate di calore. In ogni caso, è sempre preferibile chiedere il parere del medico prima di ricorrere al fai da te, attenendosi alle dosi consigliate.

Per i capelli

L’olio essenziale di nigella sativa rappresenta anche un toccasana per i capelli spenti e sfibrati: è ottimo per preparare impacchi nutrienti da usare regolarmente massaggiando il cuoio capelluto, lasciando il prodotto agire per circa un quarto d’ora prima di procedere con lo shampoo.

Controindicazioni

Pur essendo naturale, il cumino nero non è esente da controindicazioni soprattutto se si è allergici a uno dei suoi componenti. Se usato come integratore alimentare, inoltre, può dare origine a interazioni con alcuni tipi di farmaci come i sedativi e i comuni antistaminici. Infine, dovrebbe essere sospeso l’uso in gravidanza.

17 ottobre 2017
Lascia un commento