La nuova scossa di terremoto in Nepal, avvertita anche a Nuova Delhi e altre parti del nord dell’India, ha reso ancora più complicata una situazione compromessa dal sisma del 25 aprile. Nuove vittime, altri feriti e strade interrotte, in una condizione di disagio faticosa e di estremo dolore. Da aprile i soccorsi stanno lavorando con costanza e in modo continuativo per trarre in salvo le persone, mettere al sicuro i superstiti e raggiungere i centri abitati più lontani. La nuova situazione di pericolo incide sulla vita di moltissime popolazioni abituate a un’esistenza semplice, in piccoli villaggi rurali e in condizioni di povertà.

Per questo anche molte associazioni animaliste sono intervenute sul campo per prestare aiuto e soccorso agli animali superstiti, parte integrante del nucleo abitativo ma anche risorsa economica e di sostentamento. Il disastro non sembra aver fine, senza le adeguate strutture di protezioni, rifugi o stalle, gli animali sono in balìa delle condizioni atmosferiche e delle intemperie. Ora anche della nuova scossa di terremoto in Nepal, che li rende vulnerabili alle malattie e vittime della condizione di stress. L’impossibilità di garantire loro cibo e cure adeguate, specialmente nei villaggi più isolati, sta minando la loro salute favorendo il diffondersi delle malattie.

Le associazioni cercano di dare supporto distribuendo medicinali, vaccinazioni, acqua pulita, antibiotici ma anche cibo ed elementi di supporto per i civili. Nei pressi di Ganesh Kamaladi, vicino al centro di Kathmandu, una donna si sta occupando in modo autonomo dei cani randagi, fornendo loro un po’ di cibo e acqua. Ribattezzata “The dog-mother of Kathmandu”, passa le giornate con loro: i cani le siedono accanto e dormono in cerchio con lei. La donna ha fatto proprio il rituale nepalese chiamato Terva, ovvero il 13esimo giorno dopo la morte di un membro della famiglia si prega, si brucia l’incenso e si distribuisce il cibo. E in compagnia di un gruppo di sostenitori e il personale dell’associazione animalista Humane Society International, fornisce un po’ di supporto alimentare a tutti i randagi della città.

13 maggio 2015
Fonte:
Lascia un commento