L’abbiamo vista volteggiare sulle punte ne Il Cigno Nero e sempre la danza la porterà a Parigi insieme al marito, per il famoso Paris Opera Ballet. Ma non sono gli arabesque a spaventare la talentuosa Natalie Portman, bensì la dieta vegana: riuscirà in Francia a trovare i suoi cibi preferiti?

L’attrice di origini israeliane, da sempre schierata per la protezione degli animali e portavoce delle virtù dell’alimentazione vegetariana, adora alla follia alcune pietanze thailandesi che recupera nei pressi della sua abitazione di Los Angeles. Trasferendosi, teme di dover rinunciare a questa passione, una questione che addirittura l’avrebbe fatta tentennare prima di optare per una nuova esistenza nella città degli innamorati. Così spiega su Hello! Magazine:

Sono vegetariana da quando ho nove anni e vegana a tratti. Al momento, viviamo a Los Angeles nei pressi di Thai Town e mangiamo un sacco di cibo thai vegano. E ci sono anche ottimi ristoranti di pasta nei pressi – una buona pasta è probabilmente il mio piatto preferito. Parigi sta migliorando per i vegani, credo si possa trovare tutto se si cerca bene.

La Portman, per sua stessa ammissione vegana a intermittenza, dal 2009 sta cercando di impegnarsi al massimo in questo regime alimentare. A illuminarla, il libro “Eating Animals” di Jonathan Safran Foer. L’attrice ha così commentato le ragioni di una scelta che per molti potrebbe apparire radicale:

Forse gli altri non saranno d’accordo con me nel ritenere che gli animali abbiano una personalità. Ma l’ampiamente documentata tortura sugli animali è inaccettabile e il costo umano che Foer descrive nel suo libro, di cui non ero a conoscenza, è universalmente commovente.

Chissà che, tra un passo di danza al Paris Opera Ballet e l’altro, la bella Natalie non trovi un ristorante thai vegano nei pressi della Tour Eiffel. E chissà, dato che si dichiara un’estrema ammiratrice della pasta, che non si imbarchi in viaggetti oltralpe per visitare lo Stivale, regno incontrastato della preparazione di questo piatto.

14 settembre 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento