Un progetto utile e importante per tutti i cani e gatti randagi che animano le strade e le periferie della Turchia, la nascita di un portale in grado di creare connessioni e aiuti indispensabili alla sopravvivenza degli animali più sfortunati. Tanto che la città di Istanbul ha voluto inserirlo come offerta ulteriore per migliorare le condizioni dei randagi. A dare il via all’idea è stata una coppia, Ceyda Kalafatcitoglu con il marito nonché imprenditore di origini tedesche Christian Feiland, che hanno creato “Kirik Kuyruk”, che in turco significa “coda rotta”.

L’obiettivo della piattaforma è quella di mettere in contatto le persone solitamente disponibili a dare un mano a cani e gatti in cerca di aiuto. Magari con associazioni specializzate, comuni, donatori e veterinari disposti a collaborare a costi contenuti. Il sito fornisce anche la possibilità di consultare video informativi sul pronto soccorso domestico, nel caso i proprietari avessero bisogno urgentemente di intervenire in attesa dei soccorsi. Ma anche una bacheca dove inserire le immagini degli animali persi, scappati o trovati a vagare per le strade. Una cooperazione simultanea per impedire che la piaga del randagismo diventi pressante, educando al contempo alla compassione e all’aiuto nei confronti di questi esemplari.

La Turchia, da sempre in prima linea nel soccorso e nell’aiuto nei confronti dei randagi, storicamente possiede un forte amore per i gatti anche per questioni religiose. Grazie alla presenza di Kirik Kuyruk, i frequentatori del sito potranno ricevere notizie sempre aggiornate su eventuali ritrovamenti, quindi sulla collocazione precisa dei randagi. E, in contemporanea, individuare i volontari disponibili ad accorrere, oppure i veterinari in grado di operare in caso di emergenza a cifre economiche. Un tam tam virtuale che si concretizza in aiuti e benessere per questi animali, spesso malati e colpiti da parassiti, infezioni costretti a vivere nelle discariche alla ricerca di cibo. La piattaforma si prefigge di diventare presto una comunità virtuale in grado di risolvere concretamente tutti i casi più difficili.

16 maggio 2016
Fonte:
Lascia un commento