“La tutela dell’ambiente è ormai divenuta un’esigenza irrinunciabile che deve essere resa patrimonio comune di tutte le componenti della società civile al di là degli schieramenti politici di appartenenza”. Lo ha scritto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel suo messaggio in occasione della prima convention della Costituente ecologista, che si è svolta a Roma nei giorni scorsi.

Nella sua missiva, il capo dello Stato ha ringrazia il presidente dei Verdi Angelo Bonelli per averlo informato dello svolgimento dell’assemblea, primo passo verso la nascita di una nuova forza ecologista collegata alla dimensione politica dei Verdi europei.

La ringrazio altresì per le cortesi espressioni di stima che ha voluto inviarmi con la sua lettera – si legge ancora nel messaggio di Napolitano – La tutela dell’ambiente è ormai divenuta un’esigenza irrinunciabile che deve essere resa patrimonio comune di tutte le componenti della società civile al di là degli schieramenti politici di appartenenza.

Napolitano dichiara di condividere il richiamo di Bonelli a considerare il tema della salvaguardia ambientale come una questione cruciale per i Governi di tutti i paesi e per gli stessi cittadini. Il presidente approfitta inoltre dell’assemblea per inviare un monito alla classe politica. «Spetta a tutte le forze politiche – ha scritto – sensibilizzare la pubblica opinione e formulare, all’interno di definiti ordini di priorità, proposte credibili e lungimiranti, capaci di superare impostazioni troppo legate alla contingenza del momento».

L’auspicio di Napolitano, infine, è che l’assemblea della Costituente riesca a «superare frammentazioni e divisioni ideologiche negative per la causa ecologista», e che soprattutto sia il primo atto di un processo utile a «rafforzare una piena e diffusa coscienza ambientale, in grado di fronteggiare i problemi di una società industriale matura come quella italiana».

23 maggio 2011
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento