Grandi novità nella mobilità del centro antico di Napoli. Domani, giovedì 22 settembre, prende il via la prima fase del processo di istituzione di una grande Zona a Traffico Limitato (ZTL) in tutto in centro storico della città. Si comincia con l’attivazione di due corsie preferenziali su via Pessina (fino a piazza Carità) e in tratto di via Duomo, dove da domani potranno circolare solo mezzi pubblici, taxi, mezzi di soccorso e veicoli che trasportano diversamente abili.

Le nuove corsie riservate, però, rappresentano soltanto il primo passaggio verso l’istituzione di una maxi ZTL in tutta l’area del centro antico, prevista entro la fine del prossimo ottobre. Prima dell’attivazione della Zona a Traffico Limitato saranno installati dei varchi video-sorvegliati proprio in corrispondenza delle due nuove preferenziali, che permetteranno di “liberare” dal lavoro di controllo un certo numero di agenti di Polizia Municipale.

Proprio la sorveglianza da parte dei vigili urbani rappresenta un elemento centrale della strategia che il Comune di Napoli ha intenzione di attuare per arginare l’impatto dei nuovi provvedimenti di limitazione del traffico sul resto della città. Agli agenti sarà infatti chiesto uno sforzo maggiore per garantire il rispetto del divieto di transito nelle preferenziali e dei tratti di sosta vietata.

Sempre per evitare che le aree esterne alla ZTL vengano congestionate dalle auto, inoltre, è stata da attivata da pochi la nuova linea di autobus C55, che, attraversando anche le strade interessate dalle corsie riservate, permetterà ai napoletani di accedere al centro antico lasciando a casa la propria automobile.

Anche i posti per la sosta a pagamento sono stati incrementati, sperando che gli automobilisti parcheggino un po’ meno in divieto e lascino le strade ancora percorribili completamente sgombre. Per agevolare la circolazione sui percorsi alternativi, infine, sono stati chiusi tutti i cantieri ancora in funzione, che causavano restringimenti della carreggiata e conseguenti ingorghi.

La speranza dell’amministrazione partenopea, in definitiva, è che i nuovi provvedimenti restrittivi liberino il centro di Napoli dal cronico ingorgo che lo assedia, anche se, come ammette lo stesso assessore comunale alla Sicurezza, Giuseppe Narducci, qualche disagio ci sarà, soprattutto all’inizio.

Per questo chiediamo ai cittadini comprensione e pazienza, ma soprattutto collaborazione – ha dichiarato Narducci nel corso della presentazione alla stampa dei nuovi dispositivi di limitazione del traffico – Li invitiamo a preferire i mezzi pubblici, a non circolare nelle corsie preferenziali, a non sostare dove non è consentito e a collaborare con gli agenti di Polizia Municipale.

L’obiettivo del Comune, in ogni caso, è quello di eliminare dalle strade interessate almeno 25mila auto al giorno, rendendo la circolazione decisamente più fluida, in attesa che la vasta ZTL completi il “miracolo”. Quanto ai residenti nelle aree interdette al traffico, possono richiedere un permesso sul sito di Napoli Park.

21 settembre 2011
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento