Si torna a parlare di “Music for Cats”, il singolare e gradevole progetto nato con lo scopo di realizzare sinfonie per i felini domestici. Giunge una buona notizia per tutti gli appassionati dell’iniziativa: la raccolta fondi su Kickstarter ha raggiunto quota 200.000 dollari, ben quattro volte più della cifra iniziale richiesta, a un solo mese di disponibilità dalla piattaforma. Questo significa che, così come desiderato da molti, il disco verrà effettivamente prodotto e presto distribuito.

Come già noto, l’idea è nata dal violoncellista David Teie, il quale ha messo a disposizione la sua esperienza come musicista della National Symphony Orchestra per realizzare della musica a misura di gatto. Un progetto rigoroso, che ha visto la collaborazione anche con rappresentanti del mondo della scienza, per realizzare delle sinfonie che risultino calmanti e anti-stress per i quadrupedi domestici. Come già spiegato in un precedente studio pubblicato sull’Applied Animal Behavior Science, i felini amano dei suoni specie-specifici: fusa, rumori ambientali, cinguettii e via dicendo. Così l’idea di realizzare dei brani a tema che, sebbene possano forse risultare complessi da comprendere per i proprietari, hanno un immediato effetto rasserenante per gli animali.

Dalla pagina di Kickstarter, si apprende come i gatti sviluppino il loro senso sonoro già dai primi giorni di vita, quando vengono esposti ai rumori ambientali che li circondano, dalla suzione per l’allattamento fino all’inseguimento dei primi uccellini. Le sinfonie di “Music for Cats”, così come già accennato, incorporano questi suoni con vocalizzazioni naturali del gatto, portandole a una frequenza che sia calmante e rilassante per lo stesso.

Come già accennato, l’obiettivo di crowdfunding pubblicato su Kickstarter è stato pienamente raggiunto e, sebbene la raccolta fondi terminerà soltanto il 28 novembre, il musicista ha già confermato l’avvio della produzione del disco e il successivo inoltro ai numerosi acquirenti che hanno deciso di partecipare all’iniziativa.

24 novembre 2015
Fonte:
UPI
Lascia un commento