Si è spenta Tama, la gatta giapponese salita da qualche anno agli onori della cronaca per aver salvato, con il suo carico di dolcezza, una piccola stazione ferroviaria rurale. È stata proprio la presenza del felino, nominato capostazione, ad aver incentivato il turismo nella zona da tutto il mondo, evitando così la chiusura della struttura e l’eliminazione del servizio su binari. Per lei un profilo Twitter molto seguito, quindi onorificenze pubbliche prima della sepoltura.

Raggiunti i 16 anni d’età, e nonostante qualche comprensibile acciacco, la gatta Tama viveva la sua esistenza in salute e piena tranquillità. Nella giornata di lunedì, però, il felino non ha potuto superare un attacco di cuore, incontrando così la morte. Da tutto il Giappone sono arrivati messaggi di sentito cordoglio, nonché da gran parte del globo, dove la storia del quadrupede si era diffusa grazie ai social network. Per la giornata di domenica è prevista una cerimonia funebre aperta al pubblico, affinché tutti gli appassionati possano dare l’ultimo addio alla tanto amata micia.

La storia di Tama è certamente singolare. La stazione di cui è stata portabandiera si trova nella periferia della città di Wakayama, dove da diverso tempo si assiste a un cospicuo e progressivo calo di passeggeri. Nel 2007, la società proprietaria delle ferrovie ha scelto un gatto tra quelli residenti nella zona, nell’intento di attirare visitatori da tutto il Giappone. E così è stato: armata di cappellino d’ordinanza e tenuta da vero capostazione, per Tama è stato costruito un ufficio personale ricavato da un vecchio sportello per la vendita di biglietti.

Il fenomeno è diventato talmente virale che, in poco tempo, nella zona è sorto anche un piccolo café a tema nonché un negozio di souvenir. Dalla Wakayama Electric Railway fanno sapere come effettivamente la gatta abbia contribuito al salvare la tratta ferroviaria in questione, con un aumento di visitatori per quella linea dai 1.92 milioni l’anno ai 2.27 attuali. Il posto della compianta gattina potrebbe essere ora preso da Nitama, l’apprendista capostazione locale, pronta a ereditare le responsabilità lavorative della compagna scomparsa.

26 giugno 2015
Fonte:
NPR
Via:
CNN
Lascia un commento